fbpx
NewsSport

Catania-Taranto 0-0. AAA cercasi centrocampo!

Si conclude a reti bianche l’atteso match tra Catania e Taranto valevole per la 26a giornata del girone C di lega Pro. La gara che ha segnato l’esordio di Petrone sulla panchina rossazzurra dà semmai ce ne fosse stato bisogno la certezza della pochezza del centrocampo etneo con uno Scoppa sempre lontano dal pallone e mai utile in fase di costruzione e un Biagianti in costante ritardo sugli avversari.
Petrone lancia dal primo minuto un 4-2-3-1 con Mazzarani, Russotto e Di Grazia dietro l’unica punta Pozzebon. Nonostante lo schieramento offensivo l’inizio della squadra rossazzurra lascia presagire che non sarà una giornata facile come ci si poteva aspettare.
Gli uomini di Petrone al cospetto di un Taranto ben messo in campo e abile nel difendersi ha sin da subito reso la vita difficile alla formazione di casa. Nel primo tempo un’occasione nitida per parte, al 27′ Pozzebon anticipa Maurantonio, la palla arriva sui piedi di Russotto che si accentra e tira. Palla fuori di pochissimo.
Sul finale della prima frazione di gioco sono gli ospiti ad andare vicinissimo al vantaggio con un calcio di punizione dai 25 metri di Lo Sicco che centra l’incrocio dei pali. Decisiva nell’occasione la deviazione in extremis di Pisseri.
Nella ripresa il copione non cambia, il solito Catania lento e compassato a metà campo dà coraggio ai pugliesi che cominciano ad affacciarsi dalle parti di Pisseri con maggiore frequenza.
Al 60′ il deludentissimo Scoppa, sotto una bordata di fischi, lascia il posto a Bucolo che impiega soltanto 7′ per beccarsi il cartellino giallo dopo pasticcio a metà campo.
Al 70′ la fotografia del Catania di quest’oggi si palesa in tutta la sua bruttezza, Pisseri per Marchese che non trovando compagni in grado di proporsi è costretto a lanciare in avanti per le punte. Il Taranto sembra non credere ai propri occhi e al minuto 83′ grazia il Catania con Magnaghi che lanciato a rete conclude fuori.
All’85’ Pozzebon si divora il più facile dei gol, Di Grazia al centro per il numero 9 rossazzurro che in mezza rovesciata si fa respingere il tiro dall’estremo difensore pugliese. La pressione esercitata nei minuti finali alla porta di Maurantonio non basta ai rossazzurri per avere la meglio di un coriaceo Taranto che esce dal Massimino con un punto. Il Catania sale a quota 36 punti, in nona posizione. Soltanto fischi per la squadra di Petrone che manda la squadra sotto le curve per ringraziare il pubblico rossazzurro, unico vero vincitore quest’oggi.
Le risposte che si attendevano sia in termini di risultato che di prestazione dopo il cambio di tecnico non si sono avute quest’oggi al Massimino,quattro giorni sono davvero pochi per valutare il lavoro di Petrone che avrà una settimana completa per lavorare e preparare al meglio la trasferta di Messina, che a questo punto diventa il vero banco di prova di questo Catania.

In questo video la fotografia del Catania di ieri contro il Taranto, nessun gioco, percentuale di passaggi sbagliati elevatissima, confusione e chiara mancanza, cronica di un riferimento in mezzo al campo

 

Classifica Catania offerta da Livescore.it

 

Classifica Catania offerta da Livescore.it


Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button