fbpx
Sport

Catania: Gillet è il primo a partire. Presentata la fideiussione e saldati gli stipendi

Comincia a muoversi qualcosa in casa Catania dopo il caos scoppiato giorno 23 giugno, data che coincide con l’arresto dei vertici del Calcio Catania Pulvirenti e Cosentino e che rimmarrà per sempre scolpita nelle menti e nei cuori dei tifosi rossazzurri.

Milazzo e Bonanno lavorano da giorni alacremente  a Torre del grifo, il primo nominato amministratore unico dovrà entro il 14 luglio presentare tutti i documenti necessari per l’iscrizione formale al campionato cadetto che certamente non sarà quello di appartenza della formazione etnea la prossima stagione vista la certa retrocessione a cui porterà la sentenza della giustizia sportiva. Cauto ottimismo trapela dal quartier generale Torre del Grifo, presentata la fideiussione e saldati gli stipendi dei calciatori del mese di marzo. L’ex direttore sportivo Bonanno invece, si occuperà di cedere i pezzi pregiati della rosa e fare cassa.

Sarà il portiere belga Jean François Gillet (36) il primo calciatore a lasciare la città dell’elefante, a breve verrà annunciata la cessione in prestito con diritto di riscatto a un club di prima divisione belga. Ciò consentirà al sodalizio di via Magenta un notevole risparmio sull’ingaggio dell’ex numero uno rossazzurro.

Il prossimo della lista partenti sarà con ogni probabilità Riccardo Maniero su cui hanno messo gli occhi addosso Avellino e Salernitana ma nessuno dei club interessati all’acquisizione dei calciatori rossazzurri sferrerà l’attacco decisivo prima della sentenza che decreterà il campionato di appartenza della squadra etnea, in caso di retrocessione tra i dilettanti tutti i componenti della rosa saranno liberi di accasarsi in altre società senza che queste facciano alcun esborso economico.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker