fbpx
Nera

A Catania con le promessa di un lavoro, costretta a prostituirsi

Arrestato il secondo sfruttatore della ragazza

Le avevano promesso un lavoro, quello di badante, quello che avrebbe permesso di farla vivere tranquillamente e invece si è ritrovata a prostituirsi.

La vittima è una sedicenne romena, che dopo il trasferimento a Catania, è stata rinchiusa in casa a San Cristoforo e costretta a prostituirsi tutte le notti nella zona del porto di Catania. La ragazza è riuscita a salvarsi grazie ad una chiamata al padre, che si è rivolto alla polizia.

Gli agenti stavano indagando su un giro di prostituzione di minorenni dell’Est e sono arrivati alla sedicenne romena. Il 13 marzo scorso la squadra mobile aveva fermato già Mariana Ozsvat, mentre il suo complice era sparito.

Si tratta del trentasettenne romeno Ovidiu Ciui. La polizia lo ha individuato domenica scorsa nei pressi della stazione ferroviaria di Catania. Aveva appena compiuto una rapina ai danni di un altro romeno.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button