fbpx
NewsPolitica

Catania Bene Comune: “Urgenza di rivedere la riforma degli asili”

“C’è l’urgenza di rivedere completamente la Riforma degli asili nido e di consegnare alla città di Catania asili nido comunali efficienti, di qualità e gratuiti per le famiglie più in difficoltà”. Una vera denuncia popolare quella portata avanti da Catania Bene Comune e che analizza l’attuale e forse futura situazione degli asili nido.

Fino a dicembre 2013, data della delibera di giunta che dava il via alla riforma degli asili nido, i bambini ospitati nelle 15 strutture (non sempre in ottime condizioni) erano 630 con un meccanismo di contribuzione delle famiglie basato sul reddito. Ad occuparsi dei piccoli, 135 educatrici comunali e 99 operatrici private come personale ausiliario. Per il personale ausiliario il Comune stanziava 191. 612 euro al mese.

A dicembre 2013, il Comune annunciava l’aumento dei posti disponibili per i bambini, portandolo a 740, a fronte di una diminuzione delle educatrici e un aumento delle rette, necessario, si diceva, per mantenere i 14 asili comunali.

10862449_602677799860820_8293237052445821829_o“A un anno dall’entrata in vigore della Riforma la situazione degli asili è mutata drammaticamente. – spiega Catania Bene Comune – Non vi è solo il problema legato all’accesso al servizio per l’aumento delle rette, la Riforma degli asili è stata stravolta anche da atti ufficiali che, senza passare dal Consiglio Comunale, hanno ridimensionato gravemente il servizio.”.

Con un provvedimento dirigenziale, infatti, il Comune ha determinato il mantenimento di soli 12 asili nido, per una capienza massima di 384 bambini, con conseguente diminuzione del personale (72 educatrici e 62 operatrici).

A settembre di quest’anno, inoltre, nel capitolato d’appalto per il servizio ausiliario negli asili, viene richiesto personale che possa “assicurare il servizio ausiliario ad un massimo di 360 bambini iscritti e frequentanti, a prescindere dalla capienza strutturale dei nidi”, senza indicare quante strutture coprire i realtà.

Allo stesso tempo, si indica la riduzione della spesa per il servizio passando da 191.612 euro mensili a 78.816 euro mensili.

Incerto, quindi, che tipo di servizio il Comune offrirà ai genitori catanesi.

“C’è l’urgenza – concludono – di rivedere completamente la Riforma degli asili nido e di consegnare alla città di Catania asili nido comunali efficienti, di qualità e gratuiti per le famiglie più in difficoltà. Noi chiediamo un incontro urgente al nuovo Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Catania, Angelo Villari, affinché si prenda atto della situazione attuale e si intervenga immediatamente sugli asili nido comunali che, continuando così, sono destinati alla chiusura.”

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker