fbpx
Sport

Catania-Avellino 1-0, rossazzurri tornano alla vittoria soffrendo

Era fondamentale vincere e vittoria è stata. Il Catania batte un coriaceo Avellino per 1-0, grazie al penalty realizzato al 43′ da Calaiò e alle parate decisive di Terracciano che ha salvato in più di un’occasione. L’Avellino si morde le mani per le numerose palle gol sprecate e torna, forse immeritatamente, a casa con zero punti. La squadra irpina ha deciso il silenzio stampa dopo il match perso a Catania. Decisione maturata dal Presidente campano, a quanto pare per evitare di parlare delle decisioni arbitrali, secondo il club campano, discutibili.

Partita molto sofferta da parte della squadra di Marcolin che ha mostrato i soliti limiti sia a centrocampo, con una manovra lenta nel ripartire e impostare il gioco, sia in difesa quasi sempre in affanno sulle palle inattive. Ottima la prestazione di Terracciano, che si è fatto trovare pronto nel difficile compito di sostituire Gillet, decisa la parata su Castaldo al 85′ imbeccato da un perfetto cross dalla sinistra di Zito. Dubbio all’80’ per un fallo del portiere dell’Avellino in area di rigore su Rosina, ammonito per simulazione, la sensazione è che il fallo da rigore fosse più netto rispetto a quello fischiato per fallo su Calaiò. Nella ripresa si è assistito al cronico calo atletico dei calciatori etnei che hanno ceduto, con il passare dei minuti, metri agli irpini. Al 79′ Catania sfortunato con Castro che colpisce il palo a portiere battuto. I rossazzurri hanno avuto il merito di non disunirsi e offrire sino all’ultimo istante una prestazione di cuore che ha permesso di incamerare i 3 punti che mancavano dal 31 gennaio (Catania-Perugia 2-0).

Vittoria vitale per il Catania, quest’oggi contavano solo i 3 punti, con una classifica come quella degli etnei il gioco può certamente attendere. La squadra ha risentito della pressione della gara, in alcuni frangenti il pallone sembrava scottare tra i piedi dei calciatori rossazzurri. Fondamentale il sostegno da parte della tifoseria accorsa numerosa sugli spalti del Massimino, sempre pronta ad incitare i calciatori. Marcolin può respirare, la sua panchina appare adesso meno traballante rispetto ai giorni scorsi.

Da segnalare gli infortuni di Sauro, per una botta rimediata all’altezza dell’anca e Odjer per un problema alla coscia. Nel corso della settimana saranno valutati i tempi di recupero.

Il Catania, grazie alla vittoria odierna, sale a 35 punti, a soli due punti dal Latina che in questo momento sarebbe salvo.

TABELLINO DELLA GARA

CATANIA (4-3-1-2):  22 Terracciano; 18 Del Prete, 15 Sauro (dal 29′ Capuano), 45 Ceccarelli, 43 Mazzotta; 44 Sciaudone, 21 Rinaudo, 39 Odjer (dal 68′ Escalante); 10 Rosina; 7 Maniero (dal 58′ Castro), 9 Calaiò. A disposizione: 12 Ficara, 28 Parisi, 8 Escalante, 25 Piermateri, 14 Barisic, 30 Di Grazia, 34 Rossetti.

AVELLINO (4-4-2): 1 Frattali, 19 Pisacane, 6 Fabbro, 27 Chiosa, 20 Bittante; 14 Regoli (dal 49′ Castaldo), 21 Kone, 4 Arini (dal 54′ Zito), 18 Schiavon, 15 Soumarè, 9 Comi (dal 79′ Mokulu). A disposizione: 22 Gomis, 25 Almici, 23 Angeli, 26 Filkor.

RETI: 43′ Calaiò su rigore

 

PAGELLE

TERRACCIANO 7.5

DEL PRETE 6

SAURO 6 (dal 29′ Capuano 6.5)

CECCARELLI 6.5

MAZZOTTA 6

SCIAUDONE 5.5

RINAUDO 5.5

ODJER 6.5 (dal 68′ Escalante 5)

ROSINA 5

MANIERO 5.5 (dal 58′ Castro 6)

CALAIO’ 6.5

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker