Amministrative 2019PoliticaPrimo Piano

Carrà a Motta è il luogotenente di Salvini

Anastasio Carrà, sindaco uscente che si ricandida alla carica, è il candidato siciliano per eccellenza di Salvini. Il Ministro dell’Interno sarà a Motta il 26 aprile, proprio per chiudere la campagna elettorale del primo cittadino uscente.
Gli avversari: Danilo Festa espressione di sinistra, noto per le battaglie contro la discarica, fu candidato alle scorse regionali al fianco di Claudio Fava. Natale Consoli, consigliere comunale uscente, e vera espressione di Luca Sammartino.

Carrà è iscritto da 4 anni alla Lega. Alle ultime regionali si aggiudica un ottimo risultato con 4.700 voti. «Se penso che a Motta Sant’Anastasia abbiamo superato il 25%, mentre nella mia Milano siamo alla metà, mi dovrei trasferire a Motta», commenterà Salvini. A novembre nasce il gruppo della Lega a Motta. Sei esponenti del consiglio comunale vanno con Salvini e la formazione diviene la più numerosa della Sicilia.
(vedi articolo su Livesicilia)

Candiani conferisce a Carrà la nomina di responsabile della Lega per gli Enti Locali e da allora il sindaco diviene il vero punto di riferimento in Sicilia. Forse più forte anche di Fabio Cantarella, candidato alle europee, che con il tempo perde il suo smalto dinnanzi ai vertici leghisti.

Carrà non ha rapporti con Sammartino

Una favola quella che attribuisce a Carrà rapporti con Luca Sammartino. Se vi è stata una intesa politica si riferisce ad un lontano passato che va piuttosto rintracciata in un’antica amicizia che legava il luogotenente dei carabinieri al senatore Domenico Sudano, zio di Valeria. Una parentesi che comunque dura poco e che giunge al fine quando Carrà giura fedeltà, tra i primi in sicilia, al simbolo leghista.

Va da sfatare anche il mito dell’assessore “infiltrato” sammartiniano. Carrà indica come assessore designato Gaetano Vitale. Quest’ultimo è stato eletto consigliere comunale proprio nella lista di Carrà alle ultime amministrative. Per tre anni lavora al fianco del sindaco, poi si registra un momentaneo allontanamento. Ma non c’è alcuno scontro. All’inizio della campagna elettorale, Vitale chiede di prendere tempo per riflettere. Si risolverà a favore del primo cittadino che allora lo designa assessore.

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.