fbpx
PoliticaPrimo Piano

Caro Voli. Cancelleri scopiazza l’emendamento FDI

Caro Voli. La nuova tassazione sui biglietti aerei prevista dal Ministro Lorenzo Fioramonti prima. La (falsa) smentita dell’on. Luciano Cantone, poi. Adesso, il viceministro Giancarlo Cancelleri copia un emendamento presentato un anno fa dall’on. Gaetano Galvagno (FDI) all’ARS.

Cancelleri abbandona il M5S e si fa portavoce di Fratelli d’Italia?

«Con l’adorabile proposta del viceministro Giancarlo Cancelleri che prevede la riduzione del costo dei biglietti aerei per i siciliani più svantaggiati, mi è sembrato di rileggere una proposta presentata all’ARS più di un anno fa», fa sapere l’on. Galvagno.

Il viceministro si è di fatto reso portavoce di un emendamento presentato in Legge di Bilancio nel 2018 all’ARS dall’on. Gaetano Galvagno. L’emendamento prevede agevolazioni sull’acquisto dei biglietti aerei di lavoratori e studenti fuori sede, nonché per i malati costretti a lasciare l’isola per potersi curare.

«Resta da capire solo se il viceministro sia stato colpito da una crisi di identità. Se è in trattativa per passare in Fratelli d’Italia e nessuno lo sa. Oppure, se la proposta presentata da Fratelli d’Italia per rispondere alle esigenze dei siciliani è stata ritenuta talmente valida da finire sulla scrivania del MIT», ironizza l’on. Galvagno.

«Tuttavia, tengo a precisare al viceministro Cancelleri che la proposta del Fondo Speciale è stata presentata all’ARS per rispondere in via temporanea alle esigenze dei siciliani con maggiori difficoltà. È stata presentata infatti per offrire una prima risposta immediata fintanto che non si raggiungerà il tanto agognato obiettivo, ovvero il riconoscimento della continuità territoriale e della condizione di insularità», precisa l’on. Galvagno.

Cosa dovrebbe fare Cancelleri per la Sicilia e i siciliani?

«Le agevolazioni che porteranno alla riduzione del costo dei biglietti aerei che il viceministro Cancelleri intende avanzare in Finanziaria – suggerisce il parlamentare regionale – devono essere garantite a tutti i siciliani per assicurare il sacrosanto diritto di continuità territoriale, a prescindere da particolari esigenze di studio, lavoro o malattia. Esattamente per come sta affrontando e portando avanti la questione il nostro Presidente della Regione, Nello Musumeci».

«Nonostante sia stato il primo a occuparmi della questione – conclude il parlamentare – non sono interessato a rivendicare la paternità di atti o interventi. Sarei felice e pienamente soddisfatto nel caso in cui si riuscisse a riconoscere la condizione di insularità e venisse garantita la continuità territoriale, nell’interesse della Sicilia e dei siciliani».

∼DB

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button