fbpx
CronachePrimo Piano

Rimangono in 610 al Cara di Mineo

Altre 50 persone trasferite: adesso al Cara di Mineo sono rimasti in 610.

Continuano dunque i trasferimenti, dopo che il ministro dell’Interno Matteo Salvini ne aveva già annunciato la chiusura entro la fine dell’anno. Dall’inizio del 2019 fino ad oggi, infatti, sono circa 900 i migranti trasferiti in altri centri. Altri cinquanta uomini, infatti, si sono distaccati da Mineo e divisi equamente tra Caltanissetta e Messina.

I dipendenti annunciano lo sciopero

Nel mentre, i dipendenti del Centro di Accoglienza sono già sul piede di guerra: «Il Cara di Mineo chiude, senza garanzie occupazionali per i lavoratori. Le imprese appaltatrici dei servizi preannunciano già l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo, mentre esponenti della maggioranza nazionale di governo formulano ipotesi di riconversione del sito che fanno a pugni con la realtà».

Intanto i lavoratori hanno proclamato uno sciopero per martedì 2 aprile.

E.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker