fbpx
Cronache

Cara di Mineo, il sindaco: “Si scongiuri al più presto emergenza sanitaria”

Sono trascorsi due mesi dal cambio d’appalto per la gestione del Cara di Mineo, emergono le prime criticità. Si è passati dai licenziamenti, con gli evidenti riflessi sociali, dai problemi legati alla gestione dell’assistenza sanitaria ai migranti, dai tagli ai servizi essenziali, quali i trasporti, per arrivare, infine, alla questione legata allo smaltimento dei rifiuti.

Infatti, nonostante, il capitolato d’appalto preveda espressamente «la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti ordinari e speciali», si è resa necessaria una specifica ordinanza sindacale urgente per prevenire i rischi igienico-sanitari legati alla impossibilità di prosecuzione del servizio assicurato fino al mese di novembre.

«Non abbiamo certo chiesto noi l’istituzione del Cara nel nostro territorio», ha dichiarato Giuseppe Mistretta, sindaco di Mineo, «ci è stato imposto per una qual specie di ragione di Stato. Oggi siamo però chiamati noi a prevenire una nuova emergenza e abbiamo fatto la nostra parte, come al solito. Ma, sia chiaro, non può e non deve rimanere un problema della mia comunità. Come sindaco, ho dato un arco temporale di 45 giorni per risolvere la questione rifiuti. Mi auguro che, dopo la tempesta di queste ore, ritorni il sereno, condizione dovuta alla mia terra, alla mia gente».

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button