fbpx
GiudiziariaMafiaNews

Capaci Bis, un pentito: “Bagarella mi disse di votare Berlusconi”

Nel 1994, la mafia appoggiò Berlusconi. A dichiararlo, durante la deposizione in videoconferenza durante il processo per la strage di Capaci, il collaboratore di giustizia Pasquale Di Filippo, sentito come teste dell’accusa dalla corte d’assise di Caltanissetta. Cosa nostra si aspettava da Berlusconi un intervento legislativo sul regime del carcere duro a cui erano sottoposti diversi boss mafiosi.

«L’ho saputo da Bagarella che dovevamo votare Berlusconi – ha detto Di Filippo, deponendo in videoconferenza – ma dopo la sua elezione lui non fece nulla per aiutarci. Ne parlai con Bagarella e lui mi rispose «lascialo stare, mischinazzo (poverino ndr), adesso non può fare niente». Secondo Di Filippo il boss corleonese, Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, avrebbe in qualche modo giustificato l’inerzia di Berlusconi col fatto che il leader di Forza Italia in quel momento «aveva addosso – ha spiegato il pentito – gli occhi di altri soggetti politici e non poteva muoversi, ma che appena gli fosse stato possibile avrebbe fatto qualcosa».

Il processo, che vede imputati i capimafia Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Vincenzo Tinnirello, riprenderà domani con il controesame dei periti che si occuparono di analizzare l’esplosivo usato per la strage.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker