fbpx
Sport

Caos Serie B, il Catania resta in C. Il Tribunale Federale dice no al ricorso

I ricorsi del Catania e di altre squadre contro il blocco dei ripescaggi vengono ancora una volta respinti, a questa tornata dal Tribunale Federale Nazionale

Niente da fare. Anche il Tribunale Nazionale Federale dice no al Catania.

Il Tribunale ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati sull’annullamento delle delibere del Commissario Straordinario della FIGC Roberto Fabbricini, che hanno fissato il format della Serie B a 19 squadre.

Stessa sorte per il ricorso dell’Avellino che spingeva per ottenere la riammissione in cadetteria.

Le istanze presentate dai club, “non sono sindacabili sotto il profilo della loro legittimità da questo Tribunale, se non per manifesta illogicità che, nel caso di specie, non sembra sussistere”.

Non esiste nell’ordinamento federale un vero e proprio diritto al ripescaggio: quest’ultimo, in particolare, non sarebbe normato dagli Statuti federali

“L’interesse che le società avevano perché la vicenda dei ripescaggi si concludesse – afferma il Tribunale – non può trovare tutela in questa sede”.

Le attività federali, dunque, non sono sindacabili sotto il profilo della legittimità

La decisione della giustizia sportiva conferma di fatto il format a 19 squadre della serie cadetta. Le società coinvolte potranno però ancora fare ricorso alla Corte d’Appello e poi al Collegio di Garanzia.

Resta in piedi l’ipotesi B a 20 squadre, con l’Entella che verrebbe riammessa (e non ripescata) in seguito alla penalizzazione che il Cesena dovrebbe scontare nel campionato scorso per il caso delle false fideiussioni.

Per il Catania, purtroppo, l’ennesima doccia fredda.

Il Collegio di Garanzia del Coni era incompetente (l’11 settembre), per il Tar del Lazio la vicenda doveva tornare in ambito sportivo (26 settembre), il Tribunale Nazionale Federale non può sindacare (1 ottobre).

Si tratta dell’ennesima decisione che non entra nel merito di questa incredibile vicenda.

LA SENTENZA  https://bit.ly/2R9Iol0

Arriva l’intervento del Governo?

La vicenda legata ai ripescaggi con conseguenze riguardanti i campionati di Serie B e C è destinata a non terminare mai.

Nel decreto Salvini è stato inserito l’articolo 41, che introduce l’obbligo di bilanci certificati da revisori che risponderanno alla Consob, ma anche una procedura abbreviata per portare direttamente al Tar del Lazio i tanti ricorsi pendenti sui ripescaggi in Serie B.

La norma, però, è al vaglio del Quirinale che, prima del via libera, dovrà attentamente valutarla.

A riguardo, il sottosegretario del presidente del Consiglio con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti, ha detto: “Una situazione davvero pazzesca. Siamo gli unici in Europa a presentare un campionato a 19 squadre, oserei dire zoppo. Incredibile, roba da tornei estivi”.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Leggi Anche
Close
Back to top button