fbpx
NeraPrimo Piano

Ristrutturazioni “in nero” in un albergo del lungomare

Tutti i lavori edili di ristrutturazione erano realizzati da un cantiere in nero

La polizia di Borgo-Ognina, insieme con il personale Asp e corpo forestale della Regione Sicilia, ha effettuato un controllo presso un’attività commerciale alberghiera e di ristorazione nel lungomare di Catania.

Nel corso dell’accertamento, è stato verificato che nei locali destinati a cucina erano in corso d’opera lavori edili di ristrutturazione realizzati da un cantiere edile in nero.

Il titolare della ditta edile esecutrice dei lavori ha reso dichiarazioni in merito all’attività svolta da suoi dipendenti, dalle quali è emerso che lo stesso non li ha sottoposti a visita medica, non ha provveduto alla loro formazione all’uso delle attrezzature di lavoro, né mai valutato i rischi per la sicurezza, infatti gli operai non indossavano neanche le previste scarpe antiinfortunistica.

Per tali ragioni il titolare è stato indagato in stato di libertà per i reati previsti dalla normativa sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro.

Inoltre, è stato accertato che gli estintori portatili presenti in cucina erano scaduti a luglio 2017 e due di essi nel gennaio 2017, i locali destinati a spogliatoio per i dipendenti operanti nella cucina, cioè i 3 cuochi, risultavano sprovvisti di sistemi di areazione e in carenti condizioni di igiene e di pulizia.

Carenti condizioni igieniche sono state accertate anche nel tratto di cucina non interessata dall’attività di natura edile. I locali tecnici in prossimità dei locali cucina si trovavano in cattivo stato di conservazione, per la presenza di macchie di umidità risalenti dal pavimento con intonaci screpolati. Per tali violazioni si procederà alle relative contestazioni a carico dell’amministratore della società proprietaria della struttura alberghiera oggetto del controllo.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button