fbpx
CronacheNewsNews in evidenzaPalermo

Campagna diffamatoria ai danni dell’istituto comprensivo “Biagio Siciliano”

L’istituto comprensivo “Biagio Siciliano” di Capaci, in provincia di Palermo, ha inserito nel PAI (Piano annuale di inclusione) parte organica del POF (Piano offerta formativa) relativo all’anno scolastico 2014/2015 una specifica attività per il contrasto ai fenomeni di discriminazione e violenza; tale iniziativa si è svolta in data 27/28 Novembre 2014, nell’ambito della settimana contro la violenza e la discriminazione promossa dal MIUR e dall’UNAR.

Nella documentazione prodotta in sede di approvazione del PAI si evidenzia la finalità del piano e il coinvolgimento di numerose associazioni riconosciute a livello nazionale e operanti contro i fenomeni di violenza e discriminazione; nelle due giornate sono stati realizzati numerosi laboratori. In particolare sui fenomeni di razzismo e xenofobia, violenza di genere, violenza sui minori, bullismo, fenomeni di omofobia.

I dati dei questionari di valutazione somministrati ad alunni e docenti dimostrano un impatto assai positivo delle azioni intraprese e, soprattutto, una decisa crescita di consapevolezza da parte degli alunni.

Nei giorni successivi alla realizzazione del progetto PAI, la scuola e il suo corpo docenti ha subito violentissimi attacchi da parte di associazioni e singoli, anche a seguito di notizie palesemente false, rilanciate ed amplificate ad arte, i docenti sono stati accusati di aver indotto alla masturbazione gli alunni, di aver mostrato filmati con immagini esplicite di atti sessuali, di aver svolto lezioni di educazione sessuale senza il permesso dei genitori degli alunni.

Questo ha creato un clima ostile che è giunto anche a minacce esplicite nei confronti del dirigente scolastico e del corpo docenti.

L’intera attività svoltasi nei giorni 27 e 28 novembre 2014 è stata documentata e si evince chiaramente come tutte le direttive del MIUR siano state seguite, numerosi siti, blog e pagine facebook hanno rilanciato le falsità sull’operato della scuola “Biagio Siciliano”, soprattutto nei giorni precedenti alla manifestazione del 20 giugno a Roma: “difendiamo i nostri figli”.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button