fbpx
News in evidenzaSport

Calcio Eccellenza, rimonta a metà del Giarre sul Modica: finisce 1-1

Rimane a metà la rimonta del Giarre di mister Carmelo Mancuso che non riesce ad andare oltre l’1-1. I gialloblu sono andati sotto nel primo tempo ma poi sono riusciti a raddrizzare le sorti del match nel finale. Il Modica di Pisano, dal canto suo, riesce a strappare un punto prezioso per rimanere aggrappato alla salvezza in Eccellenza e rischiando fino all’ultimo di fare il colpaccio. E’ stata una gara nervosa al Regionale dove i gialloblu hanno imposto fin da subito il loro gioco. Al 18’ Aleo va via a due difensori in progressione e mette in mezzo per Patti ma il suo colpo di testa viene respinto dalla difesa modicana. Al 20’ Patanè lancia ancora Daniel Aleo che fa tutto da solo ma Di Martino si salva in angolo. Tap in sottomisura fallito al 25’ da Scariolo su cross di Curcuruto. Gli ospiti, però, pescano il jolly e al minuto 28 passano in vantaggio: tiro potente da fuori di Ronny Valerio che Perillo non trattiene e su cui è lesto il giovane classe 96 Mojib El Issaoui a ribadire in rete. La traversa al 38’ di Aleo su calcio di punizione chiude la prima frazione. Nella ripresa i giarresi si gettano in avanti alla ricerca del pari. Al 55’ cross di Aleo testa di Scariolo ma gran riflesso di Di Martino; poi sugli sviluppi dell’azione l’attaccante del Giarre segnerà ma in posizione di fuorigioco scatenando le ire della dirigenza nei confronti della terna arbitrale. La partita scorre via fino all’81’ quando da un corner di Trovato svetta Patanè ma trova sulla sua strada ancora l’estremo difensore ragusano che d’istinto dice di no. All’86’, però, arriva il pareggio. Calcio d’angolo battuto dal neo entrato classe 96 Napoli che trova Aleo sul primo palo libero di colpire e siglare l’1-1 finale.

“Alcune scelte arbitrali hanno condizionato la partita – commenta a caldo Mister Mancuso – ma noi ci abbiamo messo tutto l’impegno possibile per girarla a nostro favore. Abbiamo avuto al solito parecchie occasioni per segnare ma gli errori in attacco ci hanno penalizzato contro un avversario che ha tirato solo una volta in porta. I ragazzi hanno cercato di buttare il cuore oltre l’ostacolo ma ci siamo riusciti solo a metà. La reazione dopo la rete subita c’è stata, come accaduto in tante altre partite, ma vuoi per sfortuna, vuoi per imprecisione degli attaccanti, vuoi per cattiveria non ci ha fatto fare bottino pieno. La prossima sarà fondamentale contro un Atletico Catania che ha rivoluzionato la squadra ma noi andremo a giocarcela a viso aperto come sempre per fare risultato”.

Fulmine a ciel sereno negli spogliatoi a fine gara. Il Presidente Giovanni Di Martino ha deciso di rassegnare le sue dimissioni. Dopo aver preso atto di una direzione di gara non certo irreprensibile perché costellata da decisioni che hanno avvantaggiato il Modica a discapito del Giarre il massimo dirigente del club gialloblu ha preso una decisione che pare irrevocabile “La terna arbitrale ci ha fortemente penalizzati. Oltre ad annullare un nostro gol regolarissimo all’inizio della ripresa il direttore di gara non ha applicato un metro di giudizio equo. L’arbitro, infatti, non ha comminato diversi cartellini ai giocatori modicani. Aggiungo che sui quattro minuti di recupero concessi, ne sono stati giocati solo tre. Inoltre ci ha negato la possibilità di calciare un corner nel finale. Lascio il club di Via Olimpia dopo aver preso atto di un’autentica congiura nei miei confronti. Asserisco ciò perchè pare che nel primo tempo l’arbitro abbia riferito ai giocatori che fosse suo intento danneggiare moralmente la mia persona. Per quanto concerne la mia condotta credo sia stata irreprensibile poichè, quando il direttore di gara a metà del primo tempo, mi ha invitato a sedermi sulla panchina, io nella veste di dirigente accompagnatore ho preferito accomodarmi in tribuna. Mi sto comunque attivando al fine di inoltrare una missiva a Michele Cavarretta, Presidente del Comitato Regionale arbitri Sicilia, poichè intendo segnalare l’inadeguatezza della terna arbitrale. Credo che comunque Pippo Raciti, ex Presidente dell’Aia, e Santo Creati, ex arbitro, abbiano preso atto, insieme ad altre componenti dell’Aia (associazione italiana arbitri), delle inopportune interpretazioni degli sviluppi della gara da parte della terna arbitrale. Lascio dunque il timone del club gialloblu per tutelare la società e la squadra visto che sembra esserci ostilità nei miei confronti da parte della classe arbitrale”.

 

GIARRE    1            MODICA    1

Marcatori: 28’ M. El Issaoui, 86’ Aleo

Giarre: Perillo, Curcuruto(76’ Napoli), Vecchio, R. Patti, Munafò, Patanè, Monte, Miraglia, Aleo, Trovato, Scariolo(91’ Raciti). A disposizione: Cardillo, Di Benedetto, De Girolamo, G. Patti, Pezzino. All. Mancuso

Modica: Di Martino, Vaccaro, Marchese, M. El Issaoui, K. Valerio, Liga, Occhipinti, R. Valerio, Pellegrin(88’ Pagano), Elamraoui, A. El Issaoui(65’ Guarino). A disposizione: Sammatrice, Pillitteri, Puccia, Corso, Gennaro. All. Pisano

Arbitro: Puglisi di Siracusa; Testaì e Fisichella di Catania

Note: espulsi al 68’ mister Mancuso (G) e all’87’ Di Benedetto (G) dalla panchina, entrambi per proteste; ammoniti Munafò, Miraglia, Vaccaro, Elamraoui, Napoli

Alessandro Famà

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.