fbpx
BenessereLifeStyleNews in evidenza

Bye Bye mal di schiena con il Pilates!

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare del Pilates!

Dimentichiamo diffuse leggende metropolitane che spesso vengono associate quando qualcuno parla di Pilates, ad esempio: “ah ma è ginnastica dolce!” “ah ma è una sorta di stretching!” “mi serve per allungare i muscoli” e cominciamo a definire quello che il Pilates NON è:

non è uno sport, non è una ginnastica dolce, non è ginnastica posturale, non è stretching, non è “fare addominali” e non è “rassodare i glutei”

Il Pilates è un lavoro intenso e costante sul baricentro, l’asse che sostiene in equilibrio tutto il corpo; è il controllo del proprio corpo in modo armonico e ben bilanciato favorendo il potenziamento di tutti i muscoli naturalmente; il controllo del respiro in fase di espirazione e di inspirazione, massaggio del diaframma e conseguente miglioramento della postura. Pilates è memoria: le sequenze del pilates e gli esercizi codificati mirano ad abituare la mente dell’individuo ad una determinata postura e ad un preciso atteggiamento corporeo. La pratica costante del pilates contribuisce inoltre a “sentire” il corpo ed esserne padroni: un buon insegnante invita chi pratica a portare l’attenzione alla muscolatura attiva durante l’esercizio e a sentire letteralmente “di avere dei muscoli che prima non sapevo di avere”. Molta gente infatti, a causa della sedentarietà e degli impegni giornalieri si dimentica di avere il controllo sui propri muscoli.

Tutti i benefici elencati finora contribuiscono a migliorare la salute della nostra schiena in modo considerevole. Più della metà delle persone con problemi alla schiena che praticano Pilates già da qualche mese cominciano a notare la differenza soprattutto la mattina appena alzati dal letto (quando spesso il dolore alla schiena si fa sentire più intensamente).

Vediamo insieme 4 esercizi per risvegliare i dorsali, scaricare la tensione dalla schienamigliorare la postura e ridurre notevolmente i diffusi mal di schiena!

  1. eserciziPilates12Portiamoci in posizione neutra, ovvero con le ginocchia flesse e i talloni vicino i glutei. Le braccia sono lungo i fianchi e le dita delle mani camminano verso la parete che ho di fronte abbassando ulteriormente le spalle (grazie a questo movimento, scopro di attivare anche i pettorali).  Attenzione a non inarcare il tratto cervicale. Espirando schiaccio la zona lombare a terra (imprinting) attivando l’addome naturalmente. Inspirando inarco la zona lombare di qualche centimetro e nuovamente espirando schiaccio. Questa posizione mi permette di scaricare completamente le tensioni alla schiena ed è utile dopo una giornata passata troppo tempo in piedi o seduta.
  2. imagesIl secondo esercizio risveglia i dorsali e la coordinazione. Portiamoci a pancia sotto con le braccia oltre la testa leggermente divaricate. Poggiamo la fronte a terra. Inspirando sollevo la mano e il braccio destro insieme al piede e la gamba sinistra (la testa si solleva contemporaneamente). Espirando abbasso e cambio sollevando mano e braccio sinistro e piede e gamba destra. Continuo controllando il respiro e guardando sempre giù con la fronte.
  3. Pilates-dartSempre a pancia sotto, portiamo le braccia lungo i fianchi con il palmo delle mani verso il basso. Cammino con le dita come se volessi toccare qualcosa dietro, contraggo i glutei e sollevo la testa e il torace cercando di unire le scapole abbassando le spalle. Continuo a guardare giù con la fronte e porto l’attenzione ai dorsali e al respiro. Questo esercizio è meraviglioso per acquisire una postura eretta e una schiena forte. 
  4. Arm-Leg-Reach400Siamo in posizione gatto (in quadrupedia). Comincio a contrarre addome e glutei e sollevo la gamba destra. Segue la mano e il braccio sinistro. Mantengo il collo sempre in asse guardando giù e cerco di allungarmi con la gamba e con il braccio come se volessi crescere di qualche centimetro in più. Respiro, mantengo l’equilibrio. Espirando, poggio mano e gamba e cambio stendendo l’altro braccio e l’altra gamba.

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button