fbpx
CronachePrimo Piano

Bus navetta a San Nullo. La proposta di un residente – Video

Istituire il servizio Amt e agevolare l'uso dei mezzi pubblici anche per muoversi all'interno del quartiere.

Dopo il fallimento del bus navetta 613M soppresso da Amt, arriva la proposta per un nuovo percorso diverso dal precedente. Gianluca Pometti, residente in via Sebastiano Catania, ha fatto delle valutazioni e ha illustrato a L’Urlo il suo progetto. Abbiamo percorso con lui l’intero tragitto impiegando 10 minuti.

Il disastro del bus navetta 613M

La storia del bus navetta a San Nullo e Nesima inizia con un fallimento annunciato, quello del 613M che nessuno prendeva e quindi soppresso il 23 luglio scorso. La nascita di questa linea dell’Amt fu accompagnata da una serie di polemiche scaturite dall’inefficacia del tragitto. Il passaggio per ben due volte in via Fiorita, durante il suo giro, creava anche confusione. Chi prendeva il mezzo qui non sapeva se questo stesse andando direttamente alla stazione di San Nullo o era ancora a metà del giro. Di mira dalle polemiche fu preso pure il passaggio in via San Giacomo, troppo vicina alle due stazioni di riferimento: Nesima e San Nullo. Il risultato è stato che praticamente il mezzo ha girato senza passeggeri fino alla soppressione della linea.

Un bus di quartiere che porti anche alla Metro

Gianluca Pometti ha studiato un percorso alternativo a quello del 613M. Lo ha pure illustrato dapprima a Puccio La Rosa, quando Presidente di Amt. Successivamente ha sottoposto il percorso all’attenzione del suo successore, Giacomo Bellavia. «Apprezzato dalla direzione dell’Amt  – dice Pometti – il percorso è stato sottoposto attraverso una petizione su internet ai cittadini e illustrato a dei consiglieri di circoscrizione. La mia iniziativa parte da prima che il 613M fosse soppresso. Ancora però non è stato fatto nulla».

Percorso Bus navetta
Percorso Bus navetta ideato da Gianluca Pometti

Il tragitto di una “nuova” linea del 613M studiata da Pometti non collegherà più le due stazioni della Metro, ma servirà una buona parte di San Nullo fino ad arrivare in via San Giovanni Galermo attraversando sostanzialmente la parte nord di via Sebastiano Catania. «L’idea di base  – spiega Pometti  – è di avere non solo un bus navetta, ma un vero e proprio mezzo pubblico di trasporto veloce e frequente che colleghi vari luoghi della zona. In questo modo può essere utilizzato dai residenti per muoversi all’interno del quartiere e che raggiunga anche la Metro».

Il percorso ideato da Pometti

Il percorso prevede nove fermate e la partenza in piazza Beppe Montana, sede della IV circoscrizione. Da qui, scendendo da via Galermo, si arriva alla circonvallazione da dove si raggiunge la stazione Metro di San Nullo.  Il bus passerebbe davanti l’istituto Ferrarin e a un asilo nido. Salendo da via Sebastiano Catania, si raggiunge via Quintino Cataudella. Da qui lo slargo di viale Benedetto Croce dove vi è un istituto scolastico. Successivamente si riprende via Sebastiano Catania, percorrendola tutta fino ad arrivare nuovamente in via  Galermo e tornare a piazza Montana, dove vicino vi sono anche una chiesa e un istituto alberghiero. Nel percorso pensato da Pometti, il bus navetta, passerà non solo davanti alcune scuole ma anche a parti della zona con alta densità abitativa così da poter essere sfruttato da un gran numero di utenti.

Da quanto riferito a L’Urlo dal consigliere della IV circoscrizione Andrea Spina, a breve l’argomento sarà trattato dal consiglio di quartiere.

 

Tags
Mostra di più

Salvatore Giuffrida

Classe 70. Giornalista per passione ma nella vita passata chimico e topo di laboratorio. Un buon vino ed un piatto tipico sono sempre ben accetti. Per gli animali un amore sconfinato.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.