fbpx
CronachePrimo Piano

Botti di Capodanno, 20enne perde la mano a Paternò

Sembrerebbe che l’ordinanza emanata dal sindaco Salvo Pogliese nella quale si appellava “al senso di responsabilità dei cittadini” non abbia dato i risultati sperati.

Infatti, un triste bilancio si registra nella notte di Capodanno a Catania. A Paternò, un ragazzo di appena 20 anni ha perso la mano destra a causa dell’esplosione di un grosso petardo che stava maneggiando. Dapprima il giovane, per le gravi ferite, si era recato presso l’ospedale Santissimo Salvatore. Dopo, si è visto necessario un intervento più urgente nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove i medici hanno amputato l’arto.

Rimasto ferito anche un 76enne, abitante del rione Monte Po. L’uomo ha subito l’amputazione di un dito della mano sinistra presso l’ospedale Garibaldi. L’anziano ha dichiarato di essere stato colpito con un’arma da fuoco. Su entrambi gli episodi sono in corso indagini da parte dei carabinieri.

Tanti feriti a Palermo

I botti di Capodanno hanno provocato gravi danni anche a Palermo, dove si sono registrati ben 7 feriti. Al Policlinico del capoluogo regionale, ricoverato un 45enne che ha subito l’amputazione di due dita della mano. Al Civico, invece, ricoverate due persone. Una a causa delle ferite provocate da un petardo e un’altra a causa di alcuni colpi di un’arma da fuoco.

Inoltre, tanti gli interventi dei Vigili del Fuoco volti a spegnere gli incendi di cassonetti. Complessivamente si contano 45 a Palermo e 30 a Catania.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker