fbpx
NewsNews in evidenzaPolitica

Bollette pazze, Calì “Restituire soldi agli utenti se leggi non rispettate”

Approvato venerdì scorso dal Consiglio Comunale di Acireale, l’atto di indirizzo promosso dal consigliere Giuseppe Calì e presentato dai capigruppo obbliga il direttore della Sogip Salvo Messina a rendere note in una relazione le operazioni che hanno condotto anche alla richiesta dei conguagli retroattivi 2012/2013.

Giuseppe Calì: “Abbiamo chiesto se tutta la procedura sia stata rispettata, così come si auspicava la legge. Si farà una procedura di riverifica ed eventualmente si prenderanno le conseguenziali azioni del caso. Se qualcosa non è stato fatto, a tutela dei cittadini, verranno restituite le somme.”

La delibera 643/2013 a cui si fa riferimento è un atto dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il servizio idrico in cui si stabiliscono i limiti al moltiplicatore tariffario, detto teta, del periodo regolatorio 12/15.

“Il direttore della Sogip – prosegue Calì – dovrà fornire per iscritto una nota formale in cui dice di aver rispettato e come ha rispettato le leggi, e soprattutto gli articoli specifici che noi gli abbiamo chiesto.”

In particolare, come scritto nella delibera, chi determina la tariffa è “il soggetto competente” (la Sogip in questo caso) dopo aver “individuato il rapporto tra il fabbisogno di investimenti dal 2014 al 2017 – il Programma degli interventi – ed il valore delle infrastrutture esistenti, nonché i costi operativi aggiuntivi associati ad obiettivi specifici necessari in ciascun anno – cioè il Piano economico finanziario -“. In un secondo momento l’Autorità risponde approvando o meno ciò che viene presentato, cioè lo schema regolatorio.

Conclude il consigliere di Acireale Civica: “Sicuramente ci auspichiamo che ciò avvenga nei tempi più brevi. C’è il bisogno di far chiarezza innanzitutto. Quello che a noi interessa è che sia stata rispettata la legge, perché è fondamentale stabilire un buon principio di legittimità

Tags
Mostra di più

Alberto S. Incarbone

21 appena compiuti ed una vita da studente davanti, di fronte a me vedo sempre nuove vie d'uscita. Gioco a fare il giornalista da quasi due anni, collaborando con TRA tv e Il Mercatino, anche se qualche volta mi diletto a fare il cameriere. Amo viaggiare a piedi per la Sicilia, ma soprattutto parlare, parlare con i vecchi. Radio, televisione, carta stampata e web non mi bastano: sogno una terra vergine da esplorare, in cui comunicare col pensiero. Nel frattempo mi trovate in giro ad intervistare qualcuno, sperando di fare domande intelligenti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker