fbpx
News in evidenzaSport

Bingo Family Amatori Catania: arriva la terza vittoria consecutiva

Al Paolone battuto l'Arechi 46 a 17

BINGO FAMILY AMATORI CATANIA 46

ARECHI RUGBY 17

Amatori: Mistretta, Hliwa, Catania (Russo), Santocono (Ardito), Guglielmino G. (Giustolisi), Ferrara, Palmieri, Cosentino, Giammario (Ferrarello), Morisio (Sapia), Camino, Strazzeri, Parasiliti (Ruscica), Greco (Pezzano), Borina. All: Vittorio.

Arechi: Criscuolo, Finamore, Amoroso, Pierri, De Fiore (Maglio), Cucco, Langone, Ferrigno, Cafasso E., Zizza, Giordano, Caliendo, Cafasso L., D’Elia, Brindisi. A disp: D’Auria, Indennimeo. All: Indennimeo.

Arbitro: Maurizio Costantino (ME).

Marcatori: 1T – 6′ meta Strazzeri; 19′ meta Cosentino; 24′ cp Cafasso L; 26′ meta Morisio; 30′ meta Giammario, Parasiliti trasf; 38′ meta Cosentino. 2T – 2′ meta Cucco, Brindisi trasf; 10′ meta Giordano, Brindisi trasf; 15′ meta Camino, Borina trasf; 22′ meta Strazzeri; 27′ meta Borina, Borina trasf.

 

La cronaca

La ricerca della continuità e l’educazione mentale nel dare tutto contro chiunque. Arechi l’avversario, il caldo l’ostacolo in più al Paolone. La ricerca del tris di vittorie l’obiettivo primario.

Camino e Santocono

La partenza ottima con la meta voluta ed aggredita da Strazzeri. Borina però calciava corto e non trasformava, 5-0. Arechi veniva su, mostrava vivacità rispetto ad una attendista Amatori. Greco lasciava il campo per infortunio, Pezzano entrava al suo posto: al minuto venti l’azione sviluppata dal centro trovava espressione e meta con Cosentino. Borina anche stavolta da posizione defilata non centrava i pali, 10-0. Cafasso per Arechi centrava i pali su punizione, ma la risposta etnea era immediata grazie alla meta di Elia Cokanauta. Parasiliti al calcio non trasformava. Gara lenta e poco spettacolare ma efficace ancora per la Bingo Family Amatori che con Giammario trovava centro scoperto e conquistava il bonus poi trasformato da Parasiliti, 22-3. A fine primo tempo la meta voluta ancora di Cosentino alla seconda personale, ma Parasiliti non coglieva i pali per il 27-3.

Nella ripresa fuori Catania e Elia Cokanauta e dentro Russo e Sapia. Arechi però si mostrava vogliosa ed andava in meta con Cucco tutto trasformato da Cafusso, 27-10. Arechi non mollava e pressava sfruttando un brutto approccio degli etnei: ancora meta e trasformazione per i campani, 27-17. Lo schiaffo svegliava gli uomini di Vittorio che finalmente andavano con i giri giusti e con Camino sfondavano dal centro per la sesta meta. Borina stavolta centrava i pali, 34-17. Tre minuti più tardi apertura di Giammario per Strazzeri che schiacciava l’ovale per il 39-17. Ruscica recuperava un’ottima palla e lanciava in meta Borina che poi d’astuzia metteva oltre la linea di meta. Lo stesso Borina trasformava, 46-17.

Finiva cosi con la terza vittoria consecutiva per gli uomini di Vittorio, seconda al Paolone, e la voglia di migliorare il particolare dando sempre maggiore intensità alla fase offensiva.

 

Le dichiarazioni dei protagonisti

Strazzeri e Cosentino, due mete a testa per loro, hanno analizzato la vittoria contro Arechi.

«Un altro passo importante. Dobbiamo fare un grande lavoro mentale in gare del genere. Però l’importante era vincere e siamo riusciti a farlo nonostante qualche disattenzione», afferma Strazzeri.

«Non siamo stati bellissimi – chiosa Giuseppe Cosentino – dobbiamo e possiamo fare di più. Una vittoria è sempre una vittoria però sappiamo di non aver espresso il rugby che sappiamo fare. Adesso lavoro e applicazione per le sfide future ma la continuità di successi fa bene».

Nella foto di copertina: Strazzeri e Cosentino

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button