fbpx
EditorialeNews

Bimbo muore a Fiumefreddo. Quel dito contro i genitori – Domani i funerali del piccolo Gabriele

L’italiano medio è morboso, desideroso di poter giudicare. Vuole sapere i particolari e ci vuole fare chiacchiere da bar. Piuttosto che cercare un lavoro preferisce incollarsi davanti un monitor per poter conoscere scena e retroscena macabri di una fine tragica. Se potesse se la farebbe lui stesso l’autopsia del cadavere di turno.

L’italiano all’occorenza diventa investigatore, medico legale, psicologo, sociologo, poliziotto della scentifica, avvocato e finanche giudice di primo e secondo grado e se necessario magistrato della Suprema Corte di Cassazione.

In verità l’italiano è solo un gran paranormale perchè effettivamente senza essere parte in causa lui sa già tutto grazie ad una immaginaria palla di vetro.

Si verifica un’immane tragedia a Fiumefreddo. Un bimbo muore annegato a mare (la notizia è questa). Non c’è il silenzio ma un assordante vespaio che si leva da ogni parte e che si ingrandisce ogni giorno di più.

Al bar come su facebook la gente parla, non fa altro che storcere la bocca e pronunciare frasi di condanna verso i genitori, nei confronti delle persone che erano lì attorno.

Mentre un piccolo cadavere giace in attesa del suo destino nella sala mortuaria di un ospedale la gente parla e quel corpo è sempre lì lontano dalla mamma, dal papà e dalla sua sorellina. Il secchiello è rimasto posato sulla battigia del mare mentre una voce su Fb rimprovera “io i miei figli non li perdo mai di vista, neanche quando uno di loro si è rotto la gamba e non si poteva muovere” forse questo è il più gentile dei commenti, migliaia che si leggono e che si sentono per strada.

Italia casa del Vaticano non riesce a fare proprio un grande insegnamento biblico “scagli la prima pietra chi non ha peccato“.

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button