fbpx
Flash newsPoliticaPrimo PianoRegionali 2017

Berlusconi scarta ancora Musumeci

Nel centrosinistra Alfano dice Sì a Micari

Dopo due ore di incontro ad Arcore con Miccichè che tenta di convincere Silvio Berlusconi a correre uniti, ieri sera è arrivato l’ennesimo veto alla candidatura dell’ex presidente della provincia di Catania Nello Musumeci.

Silvio Berlusconi non avrebbe digerito alcune prese di posizioni dell’ex An Musumeci e vuole Gaetano Armao docente universitario e leader del cartello «Siciliani indignati». In gioco il gruppo all’Ars e la rottura con Salvini e Meloni, anche se, alla fine, si fa sapere che “qualunque decisione verrà presa solo dopo un accordo con i tre leader del centrodestra”.

Eppure le resistenze sul nome di Armao agitano anche la stessa Forza Italia siciliana: ieri il deputato regionale Vincenzo Figuccia ha attaccato lo stesso Micciché in una conferenza stampa all’Ars con l’ex commissaria Udc Ester Bonafede e Domenico Scilipoti mentre Marco Falcone invita il gruppo a correre coesi per le regionali “Il presidente Berlusconi ha gli elementi per decidere, coniugando la necessità di cambiamento, particolarmente sentita dalla nostra gente e dalla maggioranza dei siciliani, con l’esigenza di dare vita ad una coalizione estesa e vincente“.

Nel frattempo nel centrosinistra prende corpo l’idea Micari. Il Pd, con il gesto finale della telefonata di Renzi ad Alfano, ha strappato l’appoggio dei centristi ma ha anche convinto i propri esponenti di maggior peso – Faraone, Lupo, Cracolici – a fare un passo indietro a favore di una candidatura “civica”. Restano, però, alcuni nodi. Sinistra Italiana e Mdp – che ha riunito nel pomeriggio i propri vertici a Enna – pur apprezzando il nome di Micari continuano a dire no all’alleanza con Ap

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button