fbpx
CronachePrimo Piano

Beccato assaltatore seriale di uffici postali

Era diventato il terrore degli uffici postali il 46enne catanese Venerando Calabretta, già gravato da precedenti specifici. 

L’uomo, il 7 gennaio 2020, armato di cutter e con il volto travisato da un cappellino e una sciarpa di lana, aveva fatto irruzione nell’ufficio postale di via macello a San Giovanni La Punta. Qui l’uomo, puntando il taglierino al collo di una delle impiegate l’aveva minacciata di consegnargli il denaro. Alla sorpresa ed alla conseguente inerzia dell’impiegata, l’uomo aveva reagito provvedendo ad avvinarsi ai cassetti delle postazioni di lavoro da due dei quali aveva prelevato il contante equivalente a 540 euro. Rimproverata un’altra dipendente per non aver trovato più soldi nei cassetti, il malvivente è fuggito.

I militari della locale Stazione, intervenuti immediatamente sul posto, dopo aver acquisito le testimonianze degli impiegati hanno individuato l’autovettura utilizzata dal malvivente. Gli agenti, inoltre, hanno fissato alcuni particolari sul tipo di abbigliamento indossato durante la commissione della rapina. Elementi che nel giro di pochi giorni consentivano l’identificazione del reo e la conseguente perquisizione nella sua abitazione. Qui, alla presenza del padre, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato proprio quegli indumenti identici a quelli indossati dall’autore del reato.

L’uomo, nel frattempo, sentitosi braccato, si presentava spontaneamente in caserma. Qui, in presenza del proprio avvocato, dichiarava di essere l’autore della rapina all’ufficio PT di San Giovanni La Punta, e di un’altra rapina nell’ufficio PT di piazza Mercato nel quartiere Barriera a Catania.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, si trova associato al carcere di Catania Piazza Lanza.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button