fbpx
Nera

Barca a vela con 71 migranti soccorsa dalla Guardia Costiera di Catania

Operazione di soccorso, barca a vela in difficoltà nella zona di Crotone soccorsa dalla Guardia Costiera di Catania.

Nella mattinata di ieri 28 ottobre u.s., il personale in allarme S.A.R. con l’AW139 – Nemo 10  del 2° Nucleo Aereo di Catania è intervenuto per prestare soccorso ad una barca a vela con 71 migranti a bordo, incagliata ad un miglio e mezzo dalla costa nel tratto di mare antistante l’aeroporto di Crotone.

Le operazioni di salvataggio, rese difficoltose dalle condizioni meteomarine particolarmente avverse (mare 5/6 e venti con raffiche a 40 kts), sono iniziate intorno alle 11.30, quando il Nemo proveniente da Catania ha effettuato un primo passaggio sulla barca a vela per verificare le condizioni in zona.

Nonostante le avverse condizioni meteorologiche e l’aeroporto già in condizioni IFR, l’equipaggio ha deciso di intervenire al fine di scongiurare l’aggravarsi delle già proibitive condizioni del natante e dei naufraghi.

Dopo aver effettuato l’atterraggio sull’aeroporto di Crotone al fine di reperire delle cesoie, necessarie a tranciare la catena dell’ancora di ormeggio della barca a vela incastrata sul fondale, l’elicottero è tornato in zona operazioni e dopo aver valutato attentamente la situazione ha ammainato in acqua l’aerosoccorritore.

I movimenti repentini della barca a vela rendevano difficoltoso l’avvicinamento dell’elicottero all’imbarcazione che veniva raggiunta a nuoto dall’aerosoccorritore.

L’intervento di quest’ultimo è stato decisivo per il recupero dell’imbarcazione ed il salvataggio delle persone a bordo. Con grande abilità e perizia marinaresca lo stesso è riuscito a manovrare l’imbarcazione,  con timone danneggiato, scortato da una m/v del Corpo delle Capitanerie di Porto, fino al porto di Crotone.

Tutte e 71 le persone, comprese 16 donne e bambini, sono state tratte in salvo dal personale delle Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, nonché dallo stesso equipaggio che, una volta atterrato si è prontamente diretto verso il porto di Crotone, dove ha continuato a prestare soccorso fino al termine della esigenza.

Grazie all’altissimo senso del dovere e alla non comune abilità e perizia è stato possibile portare a termine una operazione di tale entità garantendo in ogni momento efficacia ed efficienza.

E.F.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button