fbpx
Cronache

Baby rapinatore collocato in comunità da fuoco ad un materasso e fugge: in manette

Dopo gli atteggiamenti violenti mostrati in comunità, si è dato alla fuga per rifugiarsi a casa della nonna. Adesso, però, nulla gli eviterà il carcere.

I Carabinieri della Stazione di Grammichele hanno arrestato un 15enne del posto, in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Catania.

Il giovane è  uno dei due rapinatori che il 19 febbraio scorso diedero l’assalto, a volto coperto e armati di pistola e coltello, al supermercato di via Cialdini.

Arrestato e collocato lo scorso 14 marzo in comunità, su disposizione del G.I.P del Tribunale per i Minorenni etneo, il giorno successivo è andato in escandescenza, minacciando con un coltello gli educatori e gli ospiti ivi presenti, bruciando un materasso, minacciando altresì di dare fuoco ad un veicolo ivi parcheggiato. Non soddisfatto ha spaccato letteralmente anche i vetri della sala da pranzo della struttura, per poi fuggire via e far perdere le proprie tracce.

I militari di Grammichele, acquisita la notizia della fuga del giovane rapinatore dalla comunità, hanno immediatamente organizzato un dispositivo di ricerca che ha dato i suoi frutti ieri sera quando, il 15enne, è stato rintracciato ed arrestato in casa della nonna.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato all’Istituto Penitenziario Minorile di Catania Bicocca.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button