fbpx
NeraNewsNews in evidenza

Blitz della Dia al consorzio per le autostrade siciliane: sospesi 12 dipendenti

Dalle prime luci dell’alba personale della Direzione Investigativa Antimafia di Messina, unitamente al Centro Operativo di Catania, a seguito di una laboriosa e complessa attività investigativa protrattasi per un lungo periodo, sta eseguendo il provvedimento di applicazione di misure cautelari personale e reali – emesso dal G.I.P. del Tribunale di Messina su richiesta della locale Procura della Repubblica, che prevedono la sospensione dalla professione, nei confronti di dodici tra dirigenti e dipendenti del Consorzio per le autostrade siciliane.

I reati ipotizzati dal Gip, sono, a vario titolo, falso, abuso d’ufficio e truffa. Le indagini della Dia di Catania, diretta da Renato Panvino, durate circa due anni, hanno fatto luce sulla gestione amministrativa del Cas. Nell’inchiesta ci sono una cinquantina di indagati.

“È il frutto di un’indagine molto complessa durata due anni sull’amministrazione interna del Consorzio per le autostrade siciliane, coordinata dal procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita“. ha spiegato il capocentro Dia di Catania, Renato Panvino. “L’operazione – ha aggiunto – è ancora in corso in  diverse città siciliane, con perquisizioni domiciliari e negli uffici. E’ la prosecuzione dell’operazione già condotta nel 2015 nei confronti di imprenditori e funzionari del Consorzio per le autostrade siciliane che ha fatto luce sull’affidamento degli appalti a ditte compiacenti con modalità di corruzione”.

Maggiori dettagli dell’operazione verranno illustrati nel corso della conferenza stampa che si terrà oggi alle ore 10.30 presso la Sezione Operativa D.I.A. di Messina, in via Monsignor D’Arrigo n. 5, alla presenza del Procuratore della Repubblica f.f. Vincenzo Barbaro, del Procuratore Aggiunto Sebastiano Ardita e del Sostituto Procuratore Stefania La Rosa.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button