fbpx
CronacheNews in evidenza

Auguri Edoardo

Conosco Edoardo Pagliaro da circa un ventennio. La prima volta lo incontrai in occasione di una protesta davanti alla base di Sigonella. Erano gli anni del cosiddetto “Popolo dei cancelli”, di cui proprio in questi giorni ricorre il ventennale, una lotta che fu documentata anche dal regista britannico Ken Loach. Ad un certo punto, il sit-in organizzato a difesa dei posti di lavoro dagli operai della base e dagli studenti fu sgomberato malamente dalle forze dell’ordine. Una ventina di manifestanti (tra cui io ed Edoardo) furono caricati sui cellulari e condotti in Questura. Lì passammo un’intera giornata, prima di essere rilasciati.

Ieri Edoardo è stato eletto segretario del Nidil provinciale, la categoria della Cgil che rappresenta i precari, gli interinali, i lavoratori a progetto, le partite Iva. Ed è proprio alle partite Iva e ai lavoratori a progetto, a chi non è protetto da cornici contrattuali solide, che Edoardo ieri ha dedicato buona parte della relazione di insediamento. Un esordio promettente. L’elezione di Edoardo, fortemente sostenuta da Giacomo Rota (segretario della Cgil catanese) e da Claudio Treves (segretario nazionale Nidil) è una buona notizia per chi crede che il sindacato debba investire le sue migliori energie nel contrasto alla precarietà. Edoardo, negli ultimi anni, si occupato dei lavoratori dei trasporti, in particolare dei portuali, riuscendo nella difficilissima impresa di sindacalizzare la maggioranza dei lavoratori del Porto di Catania.

Adesso, però, dovrà cimentarsi con una missione (quasi) impossibile: dare voce e rappresentanza alle migliaia di lavoratori senza diritti della nostra provincia, alle tante solitudini precarie. Più facile a dirsi che a farsi ma Edoardo può riuscirci. I miei auguri.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button