fbpx
GiudiziariaNews

Assunzioni Sicilia E-Servizi, indaga la Procura

La Sicilia E-servizi sotto la lente d’ingrandimento. La Corte dei Conti, qualche giorno fa, aveva segnalato un possibile danno erariale di circa un milione di euro a causa dell’assunzione senza concorso di circa 60 persone. In questo modo, il presidente Crocetta e Antonio Ingroia, ex pm e attuale presidente della società partecipata, sono stati chiamati a rispondere di questa scelta di fronte ai giudici contabili. (vedi link)

Adesso è la Procura di Palermo ad aprire un fascicolo su queste assunzioni. Tutti gli atti relativi saranno analizzati dal procuratore facente funzioni Leonardo Agueci. L’obiettivo è quello di valutare oltre al danno erariale, nella vicenda ci siano profili penali. Non è la prima volta che la Sicilia E-servizi viene controllata dalla Procura. Nei mesi scorsi, era stato lo stesso Ingroia a enunciare consulenze milionarie e collaborazioni senza contratti nella fase precedente al commissariamento, prima che la Regione acquisisse tutto il pacchetto azionario della societa’ che gestisce il servizio informatico dell’amministrazione regionale.

La Sicilia e-servizi era già salita alla ribalta della cronaca a causa dei problemi verificatisi durante il click day del Piano Giovani. Era stata proprio la partecipata regionale a sottolineare l’inadeguatezza degli strumenti informatici utilizzati fino a quel momento.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker