fbpx
CronachePrimo Piano

Associazioni Agatine Stoppate. Non parte l’organizzazione della festa di Sant’Agata

Associazioni agatine stoppate. Il Vescovo non ha ancora ratificato le nomine

Associazioni agatine stoppate. Il Vescovo non ha ancora ratificato le nuove nomine.

Non si muove nulla nelle associazioni agatine perchè il Vescovo Metropolita Monsignor Salvatore Gristina non ha ancora ratificato le nuove nomine.

Con il mancato riconoscimento da parte del vertice ecclesiastico non si attiva neanche la macchina organizzativa della festa che normalmente, in questo periodo, ferve.

Nominato il nuovo comitato, riconfermato il maestro del fercolo ma ancora nessuna novità per le associazioni agatine che il 22 maggio scorso hanno rinnovato i vertici dell’organizzazione. In particolare il Circolo di Sant’Agata, il più antico di Catania, ha eletto un nuovo presidente e 6 consiglieri dopo 12 anni.

Questa lungo periodo di “incertezza” – senza precedenti – induce a credere che sulle nomine di tutte le associazioni il Vescovo nutra seri dubbi. Anche alla luce dei nuovi regolamenti emanati, sembrerebbe più difficile far passare la nomina di soggetti che forse non sono totalmente “puliti” per fedina penale e moralità.

Si ricorderà su tutti il caso del neo presidente del circolo Marcello Sacco che durante la sua precendente presidenza fece organizzare – per due anni – una festa con la candelora a Monte Pò finanziata con soldi di una bisca mafiosa.

La chiesa però si chiude nel silenzio. Durante Sant’Agata d’agosto abbiamo rivolto al parroco della Cattedrale Monsignor Barbaro Scionti alcuni quesiti. Scionti però si è trincerato dietro un secco no comment.

Festa di Sant’Agata a rischio

Che le associazioni non siano messe nelle condizioni di operare costituisce un grosso gap per la festa. Le celebrazioni del 2020 potrebbero risentirne alla luce anche di un neo comitato per i festeggiamenti agatine che si troverà ad affrontare la sua prima prova. Senza competenze – per sua stessa ammissione – Riccardo Tomassello avrà la responsabilità della terza festa più popolare al mondo.

Dall’altra parte il maestro del fercolo che la chiesa si ostina nell’individuare in Claudio Consoli. Il capovara è in rottura con la massa dei devoti. Se alla prossima edizione della festa vuole riuscire nell’impresa – non certo facile – di condurre il fercolo dovrà comunicare maggiormente con chi tira il cordone.

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker