fbpx
CronacheNews in evidenza

Assemblea Gommisti di CNA Catania: la sicurezza stradale prima di tutto

Un’attività che non poco contribuisce alla salvaguardia di chi ogni giorno utilizza l’automobile per recarsi al lavoro, accompagnare i figli a scuola o, magari, soltanto per una ben più divertente gita fuori porta. Eppure quello dei Gommisti è un settore spesso erroneamente considerato collaterale nel mondo dell’autoriparazione alle officine meccaniche e alle autocarrozzerie.

Assemblea Gommisti del CNA Catania – Borghetto Europa

Di tutto questo si è parlato lo scorso 13 maggio nel corso dell’Assemblea dei Gommisti del CNA di Catania che, ospitata nella confortevole location del Borghetto Europa, ha visto la presenza del Presidente Nazionale CNA Servizi alla Comunità Franco Mingozzi, del Responsabile Nazionale Antonella Grasso e del Responsabile Regionale Salvatore Belfiore.

Un incontro molto partecipato che ha visto emergere con forza le problematiche della categoria, ma che ha anche permesso ai vari relatori di illustrare le tante iniziative in atto per risolverle.

Nella sua relazione, il portavoce provinciale CNA Giuseppe Calì ha puntato il dito sul fenomeno della concorrenza sleale che in varie forme, da quelle totalmente abusive a quelle camuffate da un velo di legalità, rischia di mettere in ginocchio un settore che ha un ruolo determinante nel garantire la sicurezza dei veicoli e dei cittadini. Per questo è indispensabile che i vigili urbani verifichino costantemente il possesso dei requisiti professionali da parte di tutte le aziende che offrono servizi al pubblico. Oggi il pericolo arriva anche dal web: la quota di mercato degli acquisti fatti su internet è in forte e costante crescita e spesso a condizioni non eque per la minore imposta sul valore aggiunto degli altri paesi e per il mancato versamento del contributo per lo smaltimento sul pneumatico fuori uso.

Un danno al quale si è così aggiunta la beffa, come ha ricordato Calì. Questi fenomeni hanno appunto determinato un problema ulteriore legato alla raccolta degli pneumatici fuori uso. La mole di rifiuti da ritirare, infatti, è enormemente superiore a quella per cui si paga il servizio e così spesso a metà mese la raccolta si interrompe col risultato che i gommisti locali sono costretti ad accatastare all’interno delle officine i PFU riducendo sensibilmente gli spazi di lavoro ed aumentando i rischi per i lavoratori e il vicinato.

Giuseppe Calì

Una possibile soluzione al problema è stata illustrata dal Segretario Provinciale CNA Catania, Andrea Milazzo, il quale ha riferito che la CNA ha avviato una interlocuzione con la SRR Catania Metropolitana che avrebbe dato la disponibilità ad ospitare nei propri centri di stoccaggio i PFU non raccolti liberando strade ed officine. È chiaro che sarà necessario adesso ottenere il via libera a livello nazionale dai consorzi di raccolta.

Il Responsabile Nazionale Antonella Grasso ha poi illustrato lo stato del confronto col ministero e le proposte portate avanti dalla CNA toccando una serie di problematiche cruciali per la capacità delle imprese del settore di stare sul mercato: professionalità e qualificazione, come strade obbligate per proporsi come valido punto di riferimento per i clienti, ma anche gestione economica della propria impresa. Tema, quest’ultimo, su cui si è poi soffermato in particolare il consulente aziendale Giuseppe Doni.

Infine, con queste parole ha concluso i lavori il Presidente Nazionale di CNA Servizi alla Comunità Franco Mingozzi: «Con questo convegno, tutto dedicato alla figura professionale del gommista, vogliamo manifestare concretamente la nostra vicinanza alla categoria. Le gomme sono il primo contatto dell’auto con la strada, la loro efficienza e qualità sono essenziali per garantire la sicurezza di chi la utilizza. Quello del gommista non è un mestiere che ci si può inventare. Occorrono conoscenze e un costante aggiornamento sulla struttura, le prestazioni e gli stessi materiali con cui sono realizzati oggi gli pneumatici, progettati per automezzi sempre più veloci e tecnologici, ma che, proprio per questo, debbono presentare costantemente caratteristiche di massima efficienza per garantire la sicurezza delle persone».

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button