fbpx
Cronache

Associazione Artemisia, ultima assemblea dell’anno. “Nome non legato a chicchessia”

Assemblea di fine anno per l’associazione Artemisia Accademia del Sapere Medico, società scientifica e culturale del Gruppo del Presidente. Ma di quale presidente si tratta?

“Il Gruppo del Presidente è inteso come associazione generatrice di Artemisia. Tale nome non ha nessun riferimento a chicchessia, nasce spontaneamente e casualmente in tempi non sospetti a supporto dell’ironia e della filosofia di vita propria di tutti noi. Infatti la carica di “Presidente” è sempre rimasta vacante” – spiegano dall’Associazione.

“Questa odierna affollata assemblea di chiusura di anno di Artemisia si svolge in un momento molto difficile per il nostro ordine professionale travolto da vicende giudiziarie e da dimissioni in massa di consiglieri” spiegano dalla società”.

L’Associazione Artemisia, infatti, dopo gli ultimi avvenimenti si è immediatamente discostata dal Presidente Buscema e dalle decisioni e dai comportamenti tenuti dalla maggioranza dei consiglieri dell’Ordine.

In seguito ai recenti contrasti nell’ambito dell’Ordine dei Medici tra il presidente e cinque consiglieri dimissionari, Artemisia si sarebbe aspettata anche le dimissioni del Presidente Buscema, cosa che il consigliere dimissionario dr. Antonino Rizzo, in maniera limpida e sincera, ha fatto rimettendo anche l’incarico di direttore di Catania Medica, nonché quello di Coordinatore della Scuola Di Medicina Generale.

Su questo “Artemisia ha voluto dedicare un ampio spazio di riflessione e di approfondimento delle vicende in essere. Lo ha fatto come sempre in maniera propositiva e fattiva con una serie di eventi scientifici e di politica sanitaria che ha voluto programmare per i prossimi mesi”.

Presenti all’assemblea, l’assessore alla Sanità del Comune di Catania, Giuseppe Arcidiacono, e la dott.ssa Sara Pettinato, consigliere comunale e unica donna medico.

Dopo l’intervento del presidente Scifo, che ha illustrato le finalità scientifiche e sociali dell’associazione, ha  preso la parola il dottor Nino Rizzo.

Rizzo si è fatto portavoce di una problematica inerente lo svolgimento della attività professionale negli ambulatori di medicina generale che contrastano col resto della Sicilia e dell’Italia. Solo nella provincia di Catania, infatti, un medico di famiglia non può ospitare nel proprio studio, anche saltuariamente, un collega specialista non convenzionato.

Per questo motivo, l’associazione ha richiesto un parere legale da sottoporre agli organi competenti,  istituzionali e politici per far sì che si possa avere chiarezza in merito. L’assessore ha recepito la problematica e si farà carico di avvallare la questione.

Presto, inoltre, sarà presentato il nuovo organigramma dell’Associazione.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker