fbpx
Giudiziaria

Arrestato lo scafista dell’ultimo sbarco

La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Catania hanno posto in stato di fermo di indiziato di delitto un presunto scafista, sedicente cittadino senegalese, per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in relazione allo sbarco di 114 migranti avvenuto nel porto di Catania lunedì scorso.

In particolare, Ndoye Lamine è stato individuato quale unico conducente di un gommone, con a bordo i migranti, tutti di nazionalità sub-sahariana, soccorso al largo della Libia dall’unità della Guardia Costiera “DATTILO”.

Le attività investigative – svolte dagli uomini della Squadra Mobile e del G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Catania, con il supporto di personale della Sezione operativa navale di Catania delle Fiamme gialle – hanno permesso di raccogliere significativi elementi indiziari a carico dell’uomo ritenuto “scafista” del gommone soccorso.

Le indagini, sviluppate a terra sotto il coordinamento dell’Autorità Giudiziaria etnea, hanno infatti consentito di acquisire gli elementi necessari all’adozione del provvedimento di fermo.

I migranti prevalentemente di nazionalità camerunense, senegalese, gambiana e della Guinea, sarebbero partiti la notte del 27 da una spiaggia libica e dopo poche ore sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera. “Il viaggio” è costato circa 500,00€ ciascuno, pagati in dollari ed in moneta locale libica.

L’indiziato è stato, pertanto, associato presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza” a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button