fbpx
Giudiziaria

Arrestati giovanissimi rapinatori, avevano colpito una gioielleria del centro

Catania –  Avevano rapinato una gioielleria in pieno centro a dicembre dello scorso anno. Oggi, il personale della Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti dei catanesi LONGO Christian cl. 1995 e CASTAGNA Orazio cl. 1993, responsabili, in concorso tra loro, dei reati di rapina aggravata nonché di violenza e lesioni in danno del titolare della gioielleria stessa e di una impiegata.

LONGO, inoltre, è ritenuto responsabile, in concorso con altri individui allo stato da identificare, di rapina aggravata in danno di una cittadina che era stata maltrattata e rapinata all’interno della propria abitazione, dopo essere stata prelevata dall’interno della propria auto, mentre si trovava ferma davanti al cancello automatico dell’ abitazione.

I due ragazzi si introducevano all’interno dell’esercizio, entrambi a viso scoperto, aggredendo il titolare ed un’impiegata, scaraventandoli per terra ed immobilizzandoli. Dopo aver sottratto i gioielli sul tavolo e quanto vi era in cassaforte, usavano la commessa come ostaggio per poter fuggire a bordo di un motociclo Aprilia Leonardo.

Il 4 aprile 2014, LONGO Christan, ed altri due malviventi da identificare, prelevavano una signora che stava rientrando nella propria abitazione e con violenza la trascinavano letteralmente all’interno della casa, dove, veniva rapinata alla presenza di due nipoti minorenni. Una delle due nipoti, veniva afferrata per il collo da uno dei malviventi e rapinata anche lei della somma di 400 euro.

Le indagini consentivano di accertare la presenza di un sistema di video sorveglianza sulla stessa via dove è ubicata l’abitazione della vittima e dalla visione delle immagini il personale anzidetto appurava che i malviventi erano giunti sul posto a bordo di un’autovettura Toyota Corolla di colore grigio. Lo sviluppo dell’attività investigativa scaturente dall’utilizzazione della Toyota Corolla consentiva di acquisire decisivi elementi che consentivano l’individuazione del Longo Christian come uno dei tre rapinatori.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker