NeraPrimo PianoSenza categoria

Festeggiano sparando con un fucile a canne mozze, arrestati

Volevano festeggiare il Capodanno sparando con un fucile a canne mozze. Due fratelli pregiudicati arrestati.

Capodanno al fresco per i fratelli Cancemi di Santa Maria di Licodia, trovati ad armeggiare con un fucile a canne mozze per festeggiare a mezzanotte.

I Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia, coadiuvati i colleghi dell’Aliquota Radiomobile della  compagnia di Paternò,  hanno arrestato i fratelli Cancemi di Santa Maria di Licodia e recuperato un fucile rubato.

Nell’ambito di un servizio finalizzato al controllo del territorio nell’ambito dei festeggiamenti di Capodanno,Cancemi Giuseppe e Cancemi Cosimo sono stati fermati per detenzione di armi clandestine, detenzione di armi comuni da sparo, ricettazione, evasione e minaccia a Pubblico Ufficiale.

I due fratelli, conviventi in contrada Scannacavoli, nel comune di Santa Maria di Licodia, e in atto sottoposti l’uno agli arresti domiciliari e l’altro all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, sono stati colti in flagranza.

I militari li hanno trovati mentre davanti casa maneggiavano un fucile semi automatico a canne mozze per sparare allo scoccare della mezzanotte.

Cancemi Cosimo
Cancemi Giuseppe

Immediatamente bloccati i due rei hanno anche inveito contro i Carabinieri che, insieme al personale dell’Aliquota Radiomobile nel frattempo giunto in ausilio, hanno proceduto ad effettuare un’approfondita perquisizione dei luoghi.

 

Il fucile marca Franchi, che sarà sottoposto ad esami tecnico-balistici, è risultato successivamente oggetto di furto in abitazione nel 2009 ad Aci Sant’Antonio.
Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Catania Piazza Lanza.

 

M.L.C.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.