fbpx
NewsPolitica

Arcidiacono e Caserta uniscono le forze per il “dopo Bianco”

Forse le elezioni a Catania non sono poi così lontane. O forse chi vuole fare opposizione ad Enzo Bianco ha capito che la campagna elettorale non può partire a ridosso delle amministrative. Soprattutto quando si parla di liste civiche.

Così, mentre dentro la stanza di Enzo Bianco si lanciano le dirette Facebook e si studia il mini rimpasto di fine mandato e i grandi partiti attendono i risvolti delle regionali d’autunno per mettere in campo i nomi per il dopo Enzo Bianco, fuori da Palazzo degli Elefanti qualcosa sembra finalmente muoversi.

Lo ha annunciato sul suo profilo Facebook Maurizio Caserta: tutto pronto per un dibattito politico sul futuro della città.
Il primo di una serie.
Inedita la location (il Lido Azzurro) ma anche il duo che lo propone. Chi era abituato a vedere i  nomi di Maurizio Caserta e Matteo Iannitti vicini forse ne rimarrà deluso: ad accompagnare il professore non sarà il leader di Catania Bene Comune, ma Sebastiano Arcidiacono.

Dopo mesi di battaglia solitaria in Consiglio comunale Arcidiacono sembra aver trovato fuori da Palazzo i suoi alleati. “Perché oltre l’indignazione ci sia anche il coraggio di cambiare”, scrive Arcidiacono.

Un progetto sul quale potrebbe convergere lo stesso Iannitti: il dialogo con Caserta è noto, ma anche con Arcidiacono da mesi sembra esserci comunione di intenti.

Il vicepresidente del Consiglio Comunale ha già dato dimostrazione di saper convogliare anime diverse: i dibattiti aperti organizzati da Arcidiacono in occasione di delibere importanti come quella sui rifiuti o sul piano di riequilibrio hanno visto una partecipazione trasversale di associazioni di categoria, professionisti e forze politiche diverse. Da Fratelli d’Italia ai 5Stelle, da CBC a DiventeràBellissima.

Attrazione forte anche per qualche dissidente PD e per pezzi di Catania Futura, anche se a vincere per adesso è il timore di lasciare il vecchio per il nuovo.

Così, mentre il sindaco dialoga ad intra, cercando di ribilanciare gli equilibri, fuori inizia una nuova tappa dell’anti-Bianco.

Mostra di più

Lucia Murabito

Frenetica, curiosa, testarda. Odio il silenzio e lo stare con le mani in mano. Se fossi una borsa sarei sicuramente uno zainetto da trekking: leggero, per viaggiare solo col necessario. Instabile come un composto chimico: vivo la mia vita a 100km/h con la profonda convinzione che chi si ferma è perduto. Lingua pungente e penna ficcante. Laureata in Scienze della Comunicazione, giornalista e comunicatrice. Potenziale leader ma solo se dietro le quinte. Amo le nuove sfide e sporcarmi le mani.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button