fbpx
GiudiziariaNewsNews in evidenza

Appalto Sac, per Lombardo arriva la prescrizione

Catania –  Si chiude uno dei capitoli delle vicende giudiziarie di Raffaele Lombardo. I giudici della terza sezione penale di catania hanno deciso che, essendo il fatto accaduto nel 2007, per l’ex Governatore è arrivata l’ora della prescrizione. Niente abuso d’ufficio, quindi, per l’affidamento dei lavori alla Pubbliservizi  per l’appalto di pulizie dell’aerostazione.

Secondo l’accusa, l’appalto affidato nel 2007 alla Pubbliservizi avrebbe portato un ingiusto guadagno all’azienda, per un importo maggiore (630 mila euro) di quello stabilito dalla legge (422 mila euro), violando “la procedura della gara aperta ristretta o negoziata ovvero mediante dialogo competitivo”. In questa maniera, altre aziende non poterono partecipare. In quel periodo, Raffaele Lombardo, in qualità di presidente della provincia e componente del Cda della Sac, avrebbe avuto un interesse politico affinchè il posto rimanesse assegnato alla Pubbliservizi.

Ma gli anni sono passati e oggi si è arrivati alla prescrizione, nonostante i due anni e sei mesi di reclusione richiesti dal pm Busacca per Lombardo. Come per  lui, cadono in prescrizione anche le accuse per i componenti dell’allora Consiglio di amministrazione della Sac: Michele Sineri, Alfio D’Urso, Sebastiano Paladino e Giuseppe Gitto.

“E’ la degna conclusione di un processo assurdo che non sarebbe mai dovuto iniziare. – ha commentato in una nota Lombardo – La soluzione, più che legittima per la pulizia dell’aeroporto, era l’unica che il consiglio di amministrazione potesse deliberare”

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker