fbpx
LifeStyle

Apericena di beneficienza per la costruzione della “Casa di Toti”

“Più siamo, più doniAmo”, è questo lo slogan della serata che si è svolta ieri al ristorante Ikebana promossa dall’Associazione antimafia Agosta. Un’apericena di beneficienza per la costruzione di un albergo etico per disabili “La Casa di Toti”, progetto fortemente voluto dalla Dott.ssa Muni Sigona.

La Casa di Toti, dedicata a Toti, un15enne che soffre di un grave disturbo psichico e che necessita di essere seguito e protetto in ogni momento, è una comunità residenziali per disabili a Modica (RG)  dove, in una dimora tipica della fine del ‘700, si farà conciliare impresa sociale e occupazione, ribaltando il concetto di assistenza al disabile, che da “fruitore” del servizio (Comunità), ne diviene, assistito da Tutor specializzati,  il “gestore” (Albergo), voluta fortemente dalla famiglia del giovane.

Nell’occasione è stato presentato il romanzo di Francesco Marchese, “Tra un facile e fragile abbraccio”, ambientato in Sicilia e il cui protagonista, l’ispettore Vadalá, deve affrontare il caso del rapimento di una bambina e le difficoltà dell’animo umano.

La serata è stata organizzata in collaborazione dalle associazioni Nazionale Antimafia “Alfredo Agosta”, “Ad Maiora”,”Aiga”, “Avis Catania”, “Donne in azione”, “Ballo ma non sballo”, “Leggittima difesa”, “Anpec Sicilia”, “Adea Eventi”, “ASD Calcio Catania Forum”, “Consorzio etneo legalità e sviluppo”, “Confimprenditori” e “Giovani Consulenti del Lavoro”.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker