fbpx
CronacheGiudiziariaNeraNewsNews in evidenza

Omicidio Calatabiano. La madre denuncia il figlio – Calatabiano, proclamato il lutto cittadino

Calatabiano – Quando la madre lo ha visto con i  vestiti sporchi di sangue ha chiamato i carabinieri e ha denunciato il figlio, il 36 enne Paolo Cartelli, quale autore materiale dell’omicidio della 75 enne Amalia Ruccella.

Cartelli svolgeva per la vittima dei piccoli lavori, da ultimo la raccolta della legna dietro un prezzo concordato di 10 euro. L’uomo si era recato in casa della donna anziana proprio per rivendicare il compenso, lei le aveva aperto la porta quindi. L’alterco tra i due sarebbe nato proprio quando l’uomo avrebbe registrato il diniego della anziana signora alla sua richiesta. Poi lo scatto di estrema violenza che ha portato Cartelli prima a colpire la donna in testa e successivamente a sgozzarla con una bottiglia di vetro rotto che si trovava in casa della.

“Nessun episodio di criminalità organizzata, solo un raptus di grande violenza.” Hanno commentato questa mattina in conferenza stampa il procuratore facente funzione Michelangelo Patanè e il sostituto Procuratore Pasquale Pacifico.

L’uomo ha confessato, poi l’ulteriore riscontro dei Ris di Messina che, in meno di 24 ore, hanno appurato che le impronte presenti sulla bottiglia di vetro coincidevano con quelle di Cartelli. Una peri tizia trovata in casa del reo confesso parla di un lieve ritardo mentale “ma durante l’interrogatorio si è dimostrato molto lucido” ha affermato Pacifico.  Nei prossimi giorni ci sarà l’udienza di convalida per l’arresto mentre oggi pomeriggio, all’ospedale Cannizzaro dove la vittima è stata trasportata con elisoccorso nei primi momenti dopo il fatto, sarà effettuata l’autopsia.

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button