fbpx
CronachePrimo Piano

Traffico di anabolizzanti tra palestre e competizioni. Anche Catania coinvolta

È stata la morte di un 40enne in salute a Taurianova ad avviare una serie di indagini che hanno disvelato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e competizione sportive. Tra le città coinvolte spunta anche Catania.

Questa mattina i carabinieri, con l’ausilio del Nas e dei Cacciatori di Calabria, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale nei confronti di 9 persone. Quest’ultime sono ritenute responsabili di commercio di sostanze anabolizzanti, commercio di farmaci stupefacenti, somministrazione di farmaci dopanti per alterare le prestazioni agonistiche, ricettazione, esercizio abusivo di professione e somministrazione di farmaci pericolosi per la salute pubblica.

Obbligo di dimora anche per un catanese, il commerciante Cristian Gianluca Garozzo, di 45 anni. Nel corso dell’operazione, infatti, sequestrati preventivamente beni per un valore di di oltre 100.000 euro, riconducibili a due degli indagati.

La morte sospetta

L’operazione, denominata Ercole’ giunge all’esito di una articolata attività investigativa avviata nell’ottobre 2017 a seguito della morte di 40enne in circostanze misteriose. Inizialmente il decesso del body builder, rinvenuto in casa di parenti senza vita, sembrava causato da un arresto cardiaco.

L’uomo, che praticava attività fisica, assumeva farmaci e anabolizzanti in maniera regolare. I farmaci, prescritti da un personal trainer, avrebbero causato nell’uomo forti scompensi di salute. Il preparatore atletico dietro lauti pagamenti preparava una scheda che comprendeva esercizi, dieta e anche farmaci ad azione dopante.

Le indagini, inoltre, hanno svelato un traffico di migliaia di euro tra commercianti e personal trainer.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker