fbpx
IntervistePoliticaPrimo Piano

Amministrative 2020, Raffaele Trovato è il volto giovane delle elezioni di Trecastagni

L’esperienza c’è, la voglia di scardinare i vecchi sistemi elettorali anche. Raffaele Trovato, classe ’91, è la ventata di novità alle amministrative 2020 di Trecastagni nel segno della lista “Riparte Trecastagni”. Già consigliere comunale e assessore con deleghe ai Sport, Turismo e Spettacolo, Politiche Giovanile e Urbanistica, ad ottobre concorrerà con  Pippo Messina, Nuccio Russo, Concetta Ambra e Mauretta Finocchiaro, alla fascia tricolore.

28 anni. Cosa si cela dietro la candidatura più giovane delle prossime amministrative?

«Una valutazione -esordisce Trovato- fatta da amici, soggetti politici e personaggi di spero alla base della quale si è ricercata una figura che potesse scardinare la politica degli ultimi decenni a Trecastagni. Un sistema, che in realtà, come in altri comuni è sempre lo stesso: il sindaco “medio” è un medico, conosciuto dalla comunità e sostenuto da soggetti ritenuti portatori di voti. Una figura che, a conti fatti, non portava quella ventata innovativa, ma era solo il prodotto di una scelta in termini puramente elettorali».
«Così si è reso necessario compiere un piccolo ma importante passo in avanti: invertiamo il sistema. Spesso si imputa ai giovani l’inesperienza. Un fattore che non può essermi addebitato proprio grazie al mio passato contributo alla comunità come assessore e consigliere comunale. Dunque abbiamo avanzato una figura giovane senza il tallone d’Achille dell’inesperienza, un candidato supportato da figure storiche di Trecastagni.  La nostra lista ha l’appoggio di soggetti provenienti da tante realtà diverse tutte accomunate dalla voglia di rinnovamento della città. Il sindaco deve essere una figura nuova, che si affaccia alle tematiche più importanti con una visione innovativa».

Le politiche giovanili saranno, dunque, uno dei punti cardine

«Assolutamente sì. Tra i progetti che voglio concretizzare a Trecastagni c’è sicuramente l’istituzione del servizio civile che darebbe l’opportunità a 20 ragazzi di approcciarsi all’ente locale e ricevere un rimborso spesa. Parliamo di qualcosa di semplice ma d’impatto».
«Inoltre -prosegue il candidato-  vogliamo essere promotori di progetti come l’Erasmus Plus che permette ai giovani trecastagnesi di vivere all’estero, non appena si potrà tornare a viaggi in sicurezza. 10-15 ragazzi potrebbero fare un’esperienza nuova totalmente a carico dell’Unione Europea. Si andrebbe a creare così, conseguenzialmente, scambi culturali ed avvia un circuito virtuoso. Chi viene a conoscere Trecastagni da studente potrebbe tornare con la famiglia ed incrementare il turismo. Questi sono i progetti che costruiscono una nuova generazione».
«Anche il corpo sociale europeo rappresenta una proposta valida che permette ai giovani di lavorare negli enti locali, o anche all’interno dell’unione europea sia con servizi di volontariato che non. Dobbiamo cogliere le opportunità che il nostro contesto ci offre, cose realmente fattibili che incrementano il rapporto che ha il giovane con l’ente locale. I ragazzi devono iniziare a vedere il Comune come una fonte continua di opportunità. Altre iniziative sempre indirizzate ai giovane sono la digitalizzazione della biblioteca comunale e la nascita di aule studio  in collaborazione con alcune associazioni universitarie».

Di cosa ha bisogno Trecastagni?

«Uno dei temi -sottolinea il dott. Raffaele Trovato, maggiormente sentiti dalla popolazione è la raccolta dei rifiuti. Il peso della tari è particolarmente alto. Una famiglia media spende circa 1000 euro. In pratica uno stipendio intero se ne va in rifiuti, hai rabbia. Noi vogliamo incrementare la raccolta differenziata sia come gesto d’amore nei confronti della nostra terra sia come fonte di risparmio sulla tari. Un’altra battaglia da compiere è il trasferimento dell’attuale isola ecologica che attualmente si trova a fianco del palazzetto dello sport, ora chiuso. Un segnale per cambiare le cose sarebbe proprio quello di spostarla in un terreno di 30 mila metri, confiscato alla mafiam  ma già di proprietà del Comune di Trecastagni».

«Un altro punto fondamentale è rivitalizzare il centro storico. Una zona della città bellissima ma non sfruttata a pieno per le funzionalità che ha. In passato, l’iniziativa “Officina d’arte” lo rendeva,  nel weekend, palcoscenico di pittori, ballerini, artisti. L’arte deve diventare protagonista del centro storico».

Come sono i rapporti con i tuoi avversari?

«Molti volti della vecchia amministrazione sostengono la mia avventura elettorali. I miei avversari stanno proponendo proposte ancorate a logiche passate. La politica giovane rompe in maniera irreversibile con i vecchi schemi. Il sindaco, ruolo guida, deve essere una figura di rottura rispetto al passato», conclude Raffaele Trovato.
La parola d’ordine di “Riparte Trecastagni” è una: innovazione.
Tags
Mostra di più
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker