fbpx
CronachePrimo Piano

Amerigo Vespucci, boom al Porto di Catania

Amerigo Vespucci, il veliero della Marina Militare Italiana ormeggia al porto di Catania ed è subito boom di visitatori. Un’esperienza imperdibile per i turisti che sbarcano dalle navi da crociera. Ma anche per i catanesi che hanno colto l’occasione per respirare a pieni polmoni profumo di mare e di avventura.

Amerigo Vespucci

Cosa c’è da sapere sull’Amerigo Vespucci?

Progettata nella seconda metà degli anni Venti dall’ing. Francesco Rotundi, l’Amerigo Vespucci è la nave scuola sulla quale gli allievi imparano l’arte della navigazione. Il veliero rappresenta l’Italia nel mondo ed è definito ambasciatore sul mare dell’arte, della cultura e dell’ingegneria italiana. Dal 2007 è anche ambasciatore UNICEF.

Considerata la nave più bella, l’Amerigo Vespucci è la più antica della Marina Militare Italiana con i suoi 88 anni di attività. In origine, aveva una sorella gemella, la “Cristoforo Colombo”. Ceduta all’URSS dopo la Seconda Guerra Mondiale come risarcimento bellico, venne impiegata come nave scuola nel Mar Nero sotto il nome di Dunay ma, a seguito di un tragico incendio nel 1963, fu radiata.

L’Amerigo Vespucci è una nave a vela con motore a tre alberi lunga 101 metri e pesante 4.165 tonnellate a pieno carico. Quando trinata dal vento, le sue 24 vele permettono una navigazione fino a 16 nodi, più contenuta è invece la navigazione a motore per circa 20 km/h.

Il veliero si presenta come un vero e proprio gioiello in mare, con lo scafo bianco e nero, i suoi fregi di prora e gli arabeschi di poppa in ora zecchino. Gli interni sono elegantissimi arredi in legno che risalgono agli anni Trenta.

Quando l’Amerigo Vespucci è in mare, la vita e le attività dei cadetti sono scandite dal “fischietto del Nostromo”, il severo comando di manovra impartito in coperta come da tradizione marittima.

Dal 1978, la citazione attribuita a Leonardo Da Vinci “Non chi comincia ma quel che persevera” è il motto della nave scuola. L’espressione indica appunto che è importante portare a termine il percorso che gli allievi hanno inteso intraprendere su quella nave.

Alle 20:00 di oggi, l’Amerigo Vespucci dovrà interrompere le visite al pubblico per salpare verso nuovi porti. E con lui, probabilmente si interromperà il traffico che in questi giorni ha congestionato la zona nei pressi degli archi della marina, in direzione Playa.

 

PH: Debora Borgese

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Leggi Anche

Close
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker