fbpx
CronacheNews in evidenza

Amateci quando siamo violenti: musulmana conquista il pubblico inglese con queste parole

La sua poesia è diventata virale e grazie alla stessa si è classificata seconda ad un concorso di poesia.

Suhaiymah Manzoor-Khan, scrittrice, ha partecipato al concorso letterario Poetry Slam organizzato dall’associazione di beneficenza londinese Rundhouse, arrivando al secondo posto.

L’autrice della poesia  è un’immigrata di terza generazione in Gran Bretagna e nel suo nel suo blog ”The Brown Hijab” racconta di politica, attualità, questioni di genere, femminismo e islam.

Laureata all’università di Cambridge, la poetessa  scrive una poesia nella quale in buona sostanza vuol far capire a noi europei (ma anche lei è europea) che i musulmani andrebbero amati per quello che sono, dunque anche con i loro difetti e le loro imperfezioni.

Fra le frasi pronunciate però c’è anche questa:

“Amateci quando siamo sporchi, senza casa, a volte violenti”

Una frase che è passata inosservata al pubblico colto londinese, ma che ha destato scalpore fra il popolo del web.

Per dire c’è chi ha commentato così la frase:

“amateci quando siamo sporchi, senza casa, a volte violenti”

Ma siamo impazziti?
Altri ancora hanno scritto:
Non capisco l’emozione, di chi? …amateci quando siamo violenti…robe da matti..
Altri invece:
Seppure convintamente laico avrei preferito che una poesia sulla tolleranza scritta da una musulmana fosse stata scritta per i musulmani e non per “il resto del mondo”.
Fa riflettere il fatto che questa poesia, tanto piaciuta agli intellettuali, abbia ricevuto tante critiche dal popolo.
La domanda che in molti si fanno è se sia giusto amare i musulmani anche quando sono violenti
In ogni caso per chi fosse interessato può andare su questo link dove è possibile vedere il video completo con la traduzione https://video.repubblica.it/mondo/gb-la-poesia-di-suhaiymah-sui-musulmani-emoziona-il-mondo/279866/280460
Mostra di più
Back to top button