fbpx
LibriLifeStyle

Alla scoperta di se stessi con “Libera per tutti” di Simone Rausi

Trovare il proprio posto nel mondo è il frutto di un delicato e difficile percorso di autoconoscenza. Conoscere se stessi, alle volte, risulta molto più complicato di comprendere il mondo esterno.

Questo lo sanno bene i protagonisti di “Libera per tutti” il romanzo, edito da Scatole parlanti, di Simone Rausi ospite alla rubrica “Un caffè con…” di Alfredo Polizzano.

La trama.

Una trentina di capitoli a specchio nei quali si intrecciano le vite di Angelica, Claudio e Letizia.

Angelica è lesbica e vive in una piccola frizione nel Sud Italia, con un lavoro precario e una moltitudine di domande sulla propria identità sessuale:  sarà questo l’amore giusto?

Claudio, invece vive la cosiddetta “crisi dei 30 anni” e si sente spesso insoddisfatto, come se non avesse ancora trovato il proprio posto nel mondo. Il suo nome, però, gli impedisce di realizzare il suo sogno.

Letizia sparisce di continuo in viaggi misteriosi, non riesce a separarsi dalla Bibbia ma il suo legame con Dio nasconde un segreto. Sarà lei a stravolgere le carte in tavola.

Un viaggio alla ricerca di se stessi.

«Questo romanzo spinge i suoi personaggi ad indagare molto su sé stessi e a chiedersi se il posto nel mondo che hanno occupato è quello giusto per loro», commenta Simone Rausi.

Tutti mentono nel romanzo, ma la carrellata di bugie coinvolge anche il rapporto con sé stessi.  Un rapporto che l’autore sta pian piano coltivando, il quale non si sente una persona già “risolta” ma sulla buona strada per esserlo.

Il rapporto con la scrittura.

Per Simone Rausi la scrittura è un gioco, un divertimento, un’attività che rende prezioso il suo tempo.  Una passione coltivata fin da bambino che lo spingeva a scrivere storie da leggere ai genitori.

Un gioco che, da grande, è diventato un lavoro.

«Questo libro l’ho scritto durante le sere d’estate. La prima bozza l’ho scritta in 3 mesi ma 7-8 anni fa. Ma trovare un editore non è stato facile, dunque è passato un po’ di tempo. Altro tempo speso per le correzioni, per fortuna sembra che non sia passato di “moda”. Le tematiche affrontate, oggi più che otto anni fa, sono attuali. I personaggi si sono evoluti, la prima bozza conteneva 26 capitoli quella odierna più di trenta. Anche il finale è cambiato poiché i personaggi si sono evoluti», spiega Rausi.

L’autore.

Simone Rausi è nato a Catania nel 1986. Lavora come copywriter e da oltre dieci anni si occupa di scrittura. Ha creato testi per giornali, blog, radio e tv. Nel 2009 ha pubblicato Il Campo di Carciofi, edito da “Il Filo”.

Posted by L'Urlo on Friday, 9 November 2018

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button