fbpx
EventiLibriLifeStyle

Alla ricerca della libertà come l’Erba di Vento

Angela è una ragazza semplice. Vive in solitudine insieme alla madre ai margini di un borgo siciliano non lontano da Partinico. Tutti la considerano una persona problematica, affetta da chissà quali turbe. E questo la porta a un’esistenza diversa da quella dei suoi coetanei. E’ questo ciò che da il via al nuovo libro di Marinette Pendola,  “L’erba di vento” (Arkadia Editore), che sarà presentato domani, martedì 24 gennaio alle 20.00, alla Libreria Vicolo Stretto di Catania.

Marinette Pendola disegna con tratti sapienti un’eroina che anela alla libertà ma che è condannata a subire scelte fatte da altri, scelte che determinano traumatici cambiamenti. Angela non vuole sposarsi e si ritrova moglie di mastro Filippo, un guaritore di campagna. Non vuole essere toccata da lui e invece subisce i continui rapporti imposti dal marito. Non vorrebbe emigrare e invece si trova ad affrontare il mare da autentica clandestina. Angela subisce tutto, mesta e silenziosa, ma arriverà il giorno in cui Filippo le chiederà qualcosa che lei non può assolutamente sopportare. Da quel momento in poi il suo unico obiettivo sarà riconquistare la libertà perduta con il matrimonio.

Marinette Pendola nasce a Tunisi da genitori di origine siciliana. Docente di lingua e letteratura francese, vive a Bologna e fa parte del gruppo di lavoro “Progetto della memoria” istituito dall’ambasciata italiana a Tunisi negli anni Novanta, cui sono legate numerose pubblicazioni, tra cui L’alimentazione degli italiani di Tunisia (Tunisi, Finzi, 2005), Gli Italiani di Tunisia. Storia di una comunità (Editoriale Umbra, 2007).

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.