fbpx
CronacheEconomiaNews

Al via i saldi, i consigli di Codacons per evitare inconvenienti

Primo giorno di saldi per la Sicilia è per il resto d’Italia. Dopo un ben magro Natale, con circa il 40% di acquisti in meno, gli esercenti sperano nell’anticipo dell’avvio dei saldi.
Purtroppo, secondo Federconsumatori dai primi dati si prevede una contrazione della spesa di ciascuna famiglia del -7,5%, anche a causa delle scadenze fiscali cadute proprio nel mese di dicembre e che hanno messo in difficoltà diverse famiglie.
Per chi non volesse rinunciare agli acquisti d’occasione, si raccomanda sempre la massima prudenza per evitare spiacevoli disagi. Codacons ha stilato, per questo scopo, un elenco di utili consigli
È necessario, prima di tutto, aver controllato prima il prezzo pieno del capo, così da evitare un possibile rialzo e quindi anche un finto sconto. Se non fosse possibile, è sempre bene confrontare lo stesso capo, o simile, tra diversi negozi, così da trovare quello più adatto alle esigenze.
Attenzione al cartellino. Il negoziante deve esporrei. Maniera chiara e precisa il prezzo originale, lo sconto applicato ed il prezzo finale. Anche davanti a queste informazioni, non soffermatevi solo davanti al prezzo finale allo sconto, ma cercate di controllare la corrispondenza tra i due.
È bene anche conservare lo scontrino. Il commerciante, infatti, è tenuto a cambiare il capo (naturalmente secondo il tempo stabilito dalla politica aziendale) anche se scontato. Diffidate, inoltre, dei negozi che iniziano con gli sconti di oltre il 50%. Spesso, è il segnale di prezzi rialzati o merce non di qualità.
Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. Stare alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.
Servirsi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistare merce della quale si conosce gia’ il prezzo o la qualita’ in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell’acquisto.
La Prova dei capi non è obbligatoria. È rimesso alla discrezionalita’ del negoziante. Il consiglio è di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati.
I negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.
Infine, se pensate di essere stati in qualche modo raggirati, rivolgetevi al Codacons, oppure chiamate i vigili urbani.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker