fbpx
CronachePrimo Piano

Ai domiciliari, si prende gioco dei carabinieri su Tik Tok

Amava documentare sui social le poche simpatie nei confronti dei carabinieri. Incastrato da un video su Tik Tok, il 47enne Marcello Anfuso 47enne è ritenuto responsabile di aver violato le prescrizioni della misura degli arresti domiciliari.

In particolare lo stesso, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per reati inerenti gli stupefacenti, utilizzava molto il social network “TikTok”. Qui aveva condiviso dei video in cui erano presenti i militari durante i giornalieri controlli presso la sua abitazione, aggiungendo frasi offensive nei confronti degli operanti.

Nello specifico l’Anfuso aveva ripreso i Carabinieri registrando un video del proprio videocitofono e pubblicandolo sul citato social network con l’aggiunta della frase “HO DI PIZZO HO DI CHIATTO CI RUMPUNO SEMPRE U …”, ricevendo molti commenti da parte di altri utenti.

Inoltre gli ulteriori accertamenti esperiti dai Carabinieri di Gravina di Catania hanno permesso di appurare che lo stesso utilizzava attivamente anche “Facebook”. Tali condotte, considerate violazione del divieto di comunicare con persone diverse dai suoi familiari conviventi, hanno portato l’Autorità Giudiziaria etnea a sostituire la misura
degli arresti domiciliari con quella della custodia in carcere.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker