fbpx
CronacheNews

Aggressione al Vittorio Emanuele, FSI-CNI: “Necessario prevenire questi fatti”

Calogero Coniglio,  Segretario Regionale della FSI-CNI Sicilia, Federazione Sindacati Indipendenti – Coordinamento Nazionale Infermieri, interviene sulla notizia delle due persone denunciate dalla Polizia di Stato a Catania perché ritenute gli autori di un’aggressione, avvenuta il 26 giugno 2014, a infermieri addetti al triage del Pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele.

“Un sentito ringraziamento e un plauso per la grande professionalità dimostrata dalla Polizia di Catania e in particolare dal Questore che noi come sindacato abbiamo incontrato lo scorso 18 febbraio per discutere proprio del problema relativo alle aggressioni ospedaliere -dichiara Coniglio- Due persone si erano scagliate contro gli infermieri addetti al triage perchè pretendevano di far visitare un loro congiunto senza rispettare il turno assegnatogli all’accettazione. E finalmente giustizia è stata fatta.

Adesso è necessario impostare azioni e strategie in sinergia con le direzioni per prevenire questi fatti. A seguito dell’incontro, infatti,  il Questore, insediatosi da pochi giorni, aveva preso atto della situazione promettendo di intraprendere tutte le iniziative utili dopo aver contattato ed essersi confrontato con i rispettivi direttori generali degli enti ospedalieri. In particolare, si è fatto riferimento alla attività di monitoraggio negli ospedali, soprattutto nei pronti soccorso, fondamentali per garantire maggiore sicurezza ai cittadini, ai pazienti e al personale infermieristico medico e ausiliario, proprio perché di fronte a queste aggressioni, sono più indifesi.

Bene, finalmente un segnale positivo per gli operatori sanitari, con l’occasione vogliamo lanciare un appello ai cittadini, perché devono sapere la verità, siamo pochi, i tempi di attesa si allungano e la Regione non assume. Siamo dalla parte dei cittadini, non prendetevela con il personale, vogliamo lavorare bene con serenità al servizio di tutti”.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button