fbpx
CinemaLifeStyleNews in evidenza

Addio a Martin Landau, il Koenig di Spazio 1999

Addio all’attore Martin Landau, 89 anni, il mitico comandante John Koenig della serie TV italo-britannica di fantascienza Spazio 1999 (in cui recitava accanto a quella che fu sua moglie dal 1957 al 1993, Barbara Bain), e premio Oscar nel 1995 come Miglior attore non protagonista per il ruolo del sofferente Bela Lugosi nel film di Tim Burton, Ed Wood (1994).

La sua carriera nel cinema è stata lunga: è cominciata presto, ma i frutti migliori sono stati raccolti dall’attore in tarda età. Nato a Brooklyn, il 20 giugno del 1928, figlio di Morris e di Selma Landau, coppia d’immigrati austriaci di origine ebraica, Martin aveva cominciato a lavorare giovanissimo. A 17 anni, infatti, già era entrato al New York Daily News come fumettista e illustratore.

Ma lui sognava una carriera diversa, voleva a tutti i costi diventare un attore. Così, a 23 anni debutta con Detective Story in un teatro del Maine e nel 1955 viene ammesso all’Actor’s Studio, la selettiva scuola di recitazione di Lee Strasberg. Solo lui e Steve McQueen erano passati all’audizione a cui avevano partecipato in duemila. Nel 1959 lo ricordiamo in un ruolo minore in una pellicola del grande Alfred Hitchcock, Intrigo internazionale; nel 1963 è, invece, nel cast di Cleopatra.

La sua carriera subisce un’impennata a fine anni ’80. Martin Landau ha compiuto sessant’anni, nel 1988, quando conquista un ruolo importante assieme a Jeff Bridges, nel film Tucker – Un uomo e il suo sogno, del regista Francis Ford Coppola. Arriva la nomination agli Oscar e vince un Golden Globe (ne aveva già vinto uno per la serie Missione impossibile nel 1968, ne vincerà un altro grazie a Ed Wood). L’anno successivo recita in Crimini e misfatti (1989), insieme a Woody Allen.

(ANSA)

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button