fbpx
Senza categoriaSocietà

La zona 30 di Acireale è un festival della polemica

vernice e auto deturpano il centro storico

La zona 30 di Acireale è in fase di completamento ma a ben guardare pare non funzioni.

Zona 30

Introdotta in Italia nel 1995 all’interno delle direttive per la redazione dei Piani Urbani del Traffico (PUT), la zona 30 serve a moderare il traffico veicolare.

Ad Acireale i lavori per la realizzazione del provvedimento sono in corso da Aprile. Dopo circa 60 giorni di sperimentazione pare però che la modifica non funzioni a dovere.

Facendo un giro ad Acireale infatti ci si accorge subito delle criticità legate al provvedimento. Auto parcheggiate su entrambi i lati della carreggiata e centro reso invivibile.

Ma quello della sosta selvaggia è solo il male minore portato alla luce dalla zona 30.

Maggiormente evidente è il fallimento del provvedimento sul suo scopo principale: rallentare la velocità dei mezzi in centro.

zona 30 duomoLa zona 30, così come è realizzata non rallenta infatti la velocità delle autovetture, per rendersene conto basta fare una passeggiata in centro.

Corso Savoia e Corso Umberto, specialmente nelle ore serali, sono percorsi da automobili che non subiscono nessun tipo di rallentamento.

A sfrecciare sul basolato lavico del centro storico sono anche numerosi autobus di linea, spesso quasi del tutto vuoti.

Puzza di vernice

L’altro dettaglio legato alla zona 30 che sta dando molto da discutere in città è quello legato alla realizzazione della segnaletica orizzontale.

Da giorni infatti il centro storico della città puzza di vernice fresca perché sono in corso di realizzazione segnali orizzontali e strisce.

La realizzazione dei segnali, non obbligatori, sul basolato lavico ha irritato molti acesi, legati affettivamente al panorama barocco.

«Come si fa a violentare così un centro storico?», chiede Anna, commentando una foto su facebook.

Un complesso intreccio di linee bianche è infatti vistosamente sdraiato ai piedi della cattedrale ed un paio di grandi divieti bianchi e rossi sono sparsi qua e la per il centro.

Era davvero necessario cospargere di vernice il basolato lavico della bellissima città barocca?

 

 

 

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button