fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Acireale, viale C. Colombo: una mulattiera all’ingresso della città – FOTO –

Le piogge che nei giorni scorsi si sono abbattute su Acireale per l’ennesima volta hanno messo a nudo l’inadeguatezza della locale rete stradale. Le acque meteoriche hanno infatti messo a durissima prova la resistenza delle strade acesi ed in giro per la città si trovano diverse situazioni pericolose per gli automobilisti.

Oltre che allagare molte strade, i recenti temporali hanno fatto saltare alcune parti del manto d’asfalto delle rispettive arterie, favorendo così l’apertura di buche le quali rischiano di compromettere le sospensioni delle automobili. L’esempio maggiormente significativo dei disagi per gli automobilisti è la situazione di Viale Cristoforo Colombo, l’ingresso principale di Acireale per chi proviene dall’autostrada A18 Catania-Messina.

Come documentato dalla nostra galleria fotografica l’asfalto, ridotto oramai al minimo ed usurato da anni di incuria, rappresenta un pericolo per gli automobilisti troppo spesso costretti a brusche manovre per evitare le molte buche esistenti in entrambe le direzioni di marcia.

Nel corso degli anni la trafficata arteria ha avuto solo dei semplici interventi di rattoppo dell’asfalto, ma in occasione di ogni pioggia si sono sempre ripresentati gli stessi problemi con la strada trasformata in un vero e proprio percorso ad ostacoli che fornisce un pessimo biglietto da visita a chi viene da fuori città. Inoltre, viale Cristoforo Colombo, come del resto la maggior parte delle strade acesi, non possiede un adeguato sistema di smaltimento delle acque piovane: basti pensare che in occasione di ogni ondata di maltempo la strada puntualmente si allaga con le automobili costrette a procedere a passo d’uomo.

Tenendo conto che in questa frequentatissima zona di transito ci sono molte attività commerciali e nelle vicinanze anche l’ospedale di Acireale, l’attuale situazione di incuria della strada necessita interventi definitivi di riqualificazione.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button