fbpx
Sport

Acireale-Troina 0-0: il commento e l’analisi del post partita. Parola ai due allenatori

Acireale – Lascia parecchio amaro in bocca il pareggio a reti inviolate dell’Acireale che fra le mura amiche dello stadio “Tupparello” non è riuscito a superato un Troina messo alle corde per quasi tutta la sfida. Come raccontato in sede di cronaca, l’Acireale ha fatto una prestazione molto positiva, ma ciò non è bastato per trovare il gol e per fare breccia nella linea difensiva di un Troina che ha sofferto l’aggressività e l’intensità di gioco della locale squadra granata.

La partecipazione dell’Acireale ai play off adesso è di nuovo a rischio. Oltre che essere stato superato da Sicula Leonzio e Rocca Capri Leone, i ragazzi di mister Anastasi si trovano al quarto posto in zona play off  con 56 lunghezze, ma sono tallonati da Troina e Palazzolo, entrambe lontane solo un punto dagli acesi. Intervistati in sala stampa, i due allenatori hanno avuto modo di commentare la contesa, approfittando dell’opportunità anche per ricordare con un pensiero il compianto Cesare Maldini, figura storica del calcio italiano recentemente scomparsa. 

Ecco come si esprime ai nostri microfoni l’allenatore del Troina Peppe Pagana che commenta la prova dei suoi ragazzi, ripercorrendo anche i suoi trascorsi da calciatore dell’Acireale:

“Per me è stata una bella sensazione ritornare ad Acireale da avversario. Della mia esperienza in maglia granata ho solo buoni ricordi perchè ebbi modo di giocare qui in una stagione dove arrivammo a disputare i play off per andare in serie B contro la Viterbese. Per me quelli furono mesi importanti e mi fa sempre piacere ricordare quel periodo della mia carriera. Posso dire che mi fa sempre piacere ritornare ad Acireale. Il nostro pareggio? Per come si era messa la partita devo dire che per noi il pareggio di oggi contro l’Acireale vale come l’oro. Devo dire che nella prima mezz’ora l’Acireale ci ha messo in difficoltà, sfiorando il gol in almeno due occasioni; poi noi siamo usciti fuori dopo l’espulsione del loro calciatore Zappalà che ha perso un po la bussola. Per noi la gara si stava mettendo bene, ma a fine primo tempo è accaduto un episodio molto strano: il nostro calciatore Varela ha reagito dopo essere stato aggredito ed è stato espulso in base ad un video di un poliziotto. Credo che un qualcosa del genere non si sia mai visto su un campo da calcio. Arbitraggio discutibile? Si, credo che l’arbitro abbia influito sullo svolgimento della gara, ma noi abbiamo sofferto ed era normale soffrire contro una grande squadra come l’Acireale. Oggi la mia formazione è stata molto generosa, ha gettato il cuore oltre l’ostacolo ed è riuscita a portare a caso un punto d’oro, anche perchè siamo addirittura rimasti in nove uomini ed era complicato per noi riuscire a coprire tutto il campo; eravamo senza la coppia di terzini ed ho dovuto adattare alcuni giocatori in quel ruolo per coprire le fasce. Il campo? Posso dire che rispetto a quando ci ho giocato io, questo terreno di gioco è molto peggiore e per noi che siamo abituati a giocare sul sintetico non è stato facile adattarci a queste condizioni. Il nostro campionato? Il nostro torneo resta ottimo. Dobbiamo continuare così e poi vedremo che cosa riusciremo ad ottenere a fine campionato. Siamo in piena corsa per andare ai play off e per noi questa è già una stagione molto positiva. Ringrazio la società che ci sta mettendo nelle condizioni di lavorare bene; posso dire che il Troina ha una dirigenza ambiziosa che è vogliosa di fare delle cose importanti. Inoltre, anche la gente di Troina segue molto questa squadra e fa sentire i calciatori come se fossero a casa. Poi chiaramente per me che sono proprio di Troina è ancora più bello allenare questa squadra perchè sento come mia questa realtà. Morte di Cesare Maldini? Sicuramente è venuta a mancare una figura storica del calcio italiano perchè Maldini era una grande persona, al di là dei normali aspetti calcistici. Credo che Maldini sia un esempio per chi fa calcio”.

L’allenatore dell’Acireale Peppe Anastasi commenta in questi termini il pareggio della propria formazione:

“Abbiamo fatto una grande partita. Penso di non poter rimproverare nulla ai miei ragazzi perchè abbiamo attaccato praticamente per tutta la gara, anche nella fase di partita dove giocavamo con l’uomo in meno e per questi motivi credo che oggi io debba solo elogiare questi ragazzi. Abbiamo costruito una buona quantità di occasioni da rete, ma purtroppo siamo stati imprecisi nelle conclusioni e ci è mancato solo il gol. Meritavamo di vincere perchè abbiamo dato tantissimo durante tutta la contesa, mentre francamente non mi ricordo di azioni offensive degne di nota del Troina. Tuttavia, accettiamo il risultato del campo anche perchè se non si fa attenzione, questo tipo di gare in cui non si riesce a fare gol, si rischia di andarle a perdere. Andiamo avanti con la consapevolezza della nostra forza. Arbitraggio? Non voglio commentare l’arbitraggio. Penso solo alla mia squadra e personalmente mi interessa solo andare a vedere l’ottima prestazione di questi ragazzi; ribadisco di essere molto soddisfatto e mi reputo rammaricato solo per il risultato perchè meritavamo qualcosa di più. Il pubblico? Acireale ha un grande pubblico ed anche oggi si è visto. Non ho mai avuto dubbi sulla forza del nostro pubblico e della nostra tifoseria. I play off? La partecipazione ai play off resta ancora tutta da guadagnare, ma questo già lo sapevo dal primo giorno in cui sono arrivato ad Acireale. Sappiamo che ci sarà ancora da lottare fino all’ultimo secondo e noi non ci tireremo indietro. Ripartiamo dalla prestazione odierna ed andiamo in trasferta contro il Rocca Capri Leone a fare la nostra partita.  Scomparsa di Cesare Maldini? Secondo me la figura di Cesare Maldini mancherà al calcio in generale e non solo al sottoscritto. Maldini ha scritto pagine importanti della storia del calcio italiano e va ricordato come una persona perbene, al di là del fatto che ha allenato la nostra nazionale. Penso che al giorno d’oggi figure importanti come Cesare Maldini siano un esempio da seguire per i giovani”.

Fonte foto: Alessandro Musmeci.

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button